Un dialogo fatto di cinema ed economia

L’ambasciatore Ragaglini racconta alla tv russa il nuovo sito internet dedicato al turismo “La Tua Italia” (Foto: ufficio stampa)

L’ambasciatore Ragaglini racconta alla tv russa il nuovo sito internet dedicato al turismo “La Tua Italia” (Foto: ufficio stampa)

Il calendario delle attività dell'Ambasciata italiana a Mosca: da Venezia alle visite istituzionali. Per un rapporto che continua al di là delle crisi internazionali

Un intenso calendario di eventi e di visite di alto livello ha caratterizzato questa prima parte dell’anno al numero 5 di Denezhnij Pereulok.

Il mese di febbraio si è aperto con un incontro con la comunità imprenditoriale italiana in Russia. L'iniziativa - che ha visto gli interventi introduttivi dell'Ambasciatore Ragaglini, dell'Addetto della Banca d'Italia e del Direttore dell'ICE - ha consentito di fare il punto della situazione sull'economia russa, analizzandone le attuali criticità e le opportunità d'investimento per le imprese italiane per il 2015. Nel dialogo con le imprese è emersa una preoccupazione per gli scenari economici di quest'anno, ma anche e soprattutto la forte volontà di continuare a investire nel mercato russo. In questa prospettiva alcuni imprenditori hanno presentato la propria esperienza nel settore agroalimentare, manifatturiero e bancario nella Federazione. Nel corso dell'anno l'Ambasciata proseguirà nell'organizzazione d’incontri con la comunità imprenditoriale con focus tematici. Sono state inoltre annunciate missioni economiche di Sistema in Regioni della Federazione che presentano potenzialità sul piano degli investimenti.

Alla fine del mese l’Ambasciata ha ospitato una lectio dell’attrice, regista e sceneggiatrice russa Renata Litvinova, dal titolo “Il ruolo della donna nel cinema. In Russia. In tutti i sensi", alla presenza di numerosi giornalisti e rappresentanti del mondo della cultura. “Il cinema continua tuttora a rappresentare uno straordinario veicolo di dialogo tra l’Italia e la Russia – ha affermato nell’occasione l’Ambasciatore Cesare Maria Ragaglini – e l’Italia è uno dei Paesi europei con i quali la Russia collabora maggiormente, con l’obiettivo di incentivare le co-produzioni, promuovere la realizzazione di opere russe in Italia ed espandere il mercato dei film italiani in Russia, tutti settori che presentano ampi potenziali di sviluppo”. Nel dialogo con il pubblico la celebre attrice si è soffermata sulla presenza ancora marginale delle donne russe nel mondo cinematografico e nella politica e sul suo legame con il cinema italiano, a partire dai grandi maestri che l'hanno ispirata, come Fellini e Visconti.

L’incontro con la Litvinova ha anticipato di pochi giorni l’inaugurazione della rassegna cinematografica “Da Venezia a Mosca”, svoltasi dal 3 al 7 marzo, che ha riproposto i migliori film italiani della 71esima Mostra del Cinema di Venezia, presentati in sala alla presenza di registi e attori.

Il 4 e il 5 marzo la politica è tornata protagonista, con la visita a Mosca del presidente del Consiglio Matteo Renzi per colloqui con il Presidente Putin e il Primo Ministro Medvedev. Al centro delle consultazioni le crisi più urgenti dell’agenda internazionale (terrorismo, Libia, Siria, Iraq, Ucraina) e la cooperazione bilaterale tra Italia e Russia. Nel corso della visita il Presidente Renzi ha reso omaggio al politico russo Boris Nemtsov, deponendo dei fiori nel luogo del suo assassinio. Il Premier ha infine avuto un incontro con la collettività italiana presso l’Ambasciata e ha rilasciato un’intervista al Vice Direttore dell’agenzia TASS, andata in onda sul canale televisivo “Rossiya24” e pubblicata dal giornale “Rossyiskaja Gazeta”.

La conferenza stampa di presentazione del festival Nice (Foto: ufficio stampa)

Come noto, la cultura è da sempre un terreno molto fertile d’incontro tra Italia e Russia. E’ in quest’ottica che il 24 marzo Il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, è giunto a Mosca per incontrare il suo omologo, Vladimir Medinsky. L’incontro con il Ministro Medinsky ha consentito di fare il bilancio dei risultati conseguiti con l’Anno Incrociato del Turismo, che ha visto la realizzazione di oltre 200 iniziative lo scorso anno, e di discutere forme di collaborazione in ambito culturale e turistico, anche in vista dell’EXPO di Milano. Nel corso della visita, il Ministro Franceschini ha incontrato anche i Direttori dei principali Musei russi. Il successo degli Anni Incrociati della Cultura (2011) e del Turismo (2014) ha confermato l’intensità’ dei legami sociali e culturali tra i due Paesi che saranno ulteriormente rafforzati nel 2015. Sono previste quest’anno iniziative per presentare i grandi capolavori dell’arte italiana nei Musei della Federazione, per rilanciare la collaborazione cinematografica con nuove co-produzioni e per intensificare le relazioni tra le istituzioni musicali dei due Paesi attraverso  programmi di formazione per giovani musicisti e cantanti lirici. Nel settore della promozione turistica verrà presentato il sito internet “La Tua Italia, primo portale ufficiale sul turismo in lingua italiana e russa.

}

L’ambasciatore Ragaglini alla tavola rotonda “Tatarstan-Italia” a Kazan (Foto: ufficio stampa)

L’attività dell’Ambasciata non si ferma alla politica e alla cultura, ma punta anche ad intensificare i rapporti economici. Dal 25 al 27 marzo, infatti, l’Ambasciata d’Italia a Mosca, insieme all’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, ha organizzato una missione istituzionale ed imprenditoriale italiana a Kazan, capitale della Repubblica del Tatarstan. Guidata dall’Ambasciatore Ragaglini, la missione, alla quale hanno partecipato 18 aziende italiane, si è focalizzata sui settori delle macchine utensili, degli impianti per l’agricoltura, delle macchine per la lavorazione della gomma e della plastica, delle apparecchiature e attrezzature medicali, dei materiali per l’edilizia, della componentistica auto e dell’ICT. Nel corso della missione l’Ambasciatore ha anche incontrato il Presidente della Repubblica del Tatarstan, R. N. Minnikhanov, partecipato a una tavola rotonda sulle opportunità economico-commerciali della Regione e svolto un intervento all’Università di Architettura di Kazan. “Si è trattato di una missione molto importante, dati i legami tra l'Italia e il Tatarstan e il grande potenziale di sviluppo delle relazioni commerciali e industriali” – ha dichiarato l’Ambasciatore. “L'Italia è il secondo Paese manifatturiero d'Europa, mentre il Tatarstan è una delle Repubbliche della Federazione più dinamiche economicamente. Vorremmo – ha proseguito l’Ambasciatore – mettere a disposizione delle aziende tatare, attraverso cooperazione industriale o la creazione di joint venture, le nostre tecnologie e la nostra esperienza”.

A chiudere il mese, l’apertura del seminario "Italia e Russia nel Secolo dei Lumi", realizzato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, l’Istituto di Storia Universale dell’Accademia Russa delle Scienze (ISU RAN) e l’Università di Torino. Tra gli scopi principali dell’iniziativa quello di riavviare le collaborazioni scientifiche italo-russe nel campo della storiografia del XVIII e del XIX secolo caratterizzate da un passato di particolare spessore, nel solco della tradizione aperta dal grande storico della Russia Franco Venturi con il nutrito contributo degli slavisti italiani, primo fra tutti Vittorio Strada. Da parte italiana hanno partecipato il Magnifico Rettore dell’Universita’ di Torino Prof. Ajani, i Prof. Ferrone e Rutto, eminenti storici dell’eta’ moderna del medesimo Ateneo, e il noto matematico, filosofo e pubblicista Piergiorgio Odifreddi. Tra i principali relatori russi dell’ISU RAN il Prof. Lipkin, il Prof. Karp e la Prof.ssa Plavinskaya. Il carattere divulgativo dell’evento ha favorito una partecipazione di pubblico piuttosto ampia, non limitata agli specialisti ma estesa anche a rappresentanti della cultura, della scienza e dei media.

Ad aprile il cinema è tornato protagonista, con la conferenza stampa in Ambasciata per la presentazione della 18esima edizione del festival cinematografico NICE, che ha avuto luogo dall’8 al 13 aprile nella Capitale russa,  incentrato, come da tradizione, sul cinema italiano contemporaneo. Quest’anno il Festival ha presentato dieci opere variegate per genere e registro stilistico, dalla commedia leggera a film di denuncia e di satira politica, dal thriller al film di animazione. Alla conferenza stampa sono intervenuti l’attrice Sabrina Impacciatore, protagonista del film “Sei mai stata sulla luna?”, e il regista Antonio Morabito, autore di “Il venditore di medicine”, oltre alla direttrice del Festival, Viviana del Bianco, la direttrice esecutiva per la Russia, Olga Strada, e lo storico del cinema, Naum Kleiman. "I rapporti culturali e il dialogo tra i popoli prescindono dalle dinamiche politiche " ha dichiarato in apertura il Ministro Consigliere dell’Ambasciata d’Italia, Michele Tommasi, spiegando che per l'Italia è "importante sviluppare la collaborazione con la Russia nell'arte, nella pittura e nel cinema, per mantenere aperto questo fondamentale dialogo tra i popoli". “L’Italia in ambito europeo è uno dei Paesi con i quali la Russia oggi collabora maggiormente in campo cinematografico, con molteplici obiettivi: incentivare le co-produzioni, promuovere la realizzazione di opere russe in Italia e favorire una migliore distribuzione dei film italiani nelle sale russe, ambiti che presentano tutti un ampio potenziale di sviluppo”, ha ricordato il Ministro. Il Festival, oltre alle già previste tappe di Mosca e San Pietroburgo, avrà una importante diffusione nelle Regioni russe. Gli organizzatori stanno infatti lavorando per portare la rassegna in altre città tra cui Novosibirsk, Piatigorsk, Vladivostok, Ekaterinburg e Novy Urengoj, convinti che la domanda di cinema italiano e la competenza del pubblico russo siano molto forti anche lontano dalla capitale.

Expo Milano 2015 e turismo sono stati gli altri due temi “forti” del mese. L’Ambasciatore Ragaglini è intervenuto a una conferenza stampa di presentazione del Padiglione russo all’Esposizione Universale, che si è aperta lo scorso 1 maggio. “Con oltre 130 partecipanti, 54 padiglioni e più di 20 milioni di visitatori attesi, Expo si presenta come l’evento internazionale dell’anno e una straordinaria opportunità per tutti i Paesi, a partire dalla Russia, per proporre soluzioni a una sfida fondamentale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri”, ha dichiarato l’Ambasciatore. “Sono convinto che i turisti russi non perderanno questa straordinaria occasione che consente loro non solo di ammirare l’eccellenza del proprio Paese, rappresentata dal Padiglione russo (il quinto per grandezza all’Expo), ma di scoprire anche un’incredibile varieta’ di esempi di cultura agroalimentare e gastronomica provenienti da tutte le parti del mondo”, ha proseguito Ragaglini.

Pochi giorni dopo l’Ambasciatore ha presentato alla stampa e ai tour operator “La Tua Italia, il nuovo portale in lingua russa sul turismo in Italia. “Oltre che per la sua importanza sotto il profilo economico, ritengo che proprio il turismo – principale “motore” dei contatti “people-to-people” – possa oggi rappresentare il volano per un rilancio delle relazioni bilaterali, come anticipato nei recenti incontri a Mosca tra il presidente del Consiglio Renzi e il Presidente Putin e tra i Ministri della Cultura e del Turismo Franceschini e Medinsky”, ha dichiarato Ragaglini. “La Tua Italia” raccoglie l’esperienza maturata durante l’Anno Incrociato del Turismo e offre al visitatore informazioni, idee di viaggio e servizi utili in lingua russa per chiunque voglia recarsi in Italia. Sei le sezioni principali: Regioni e Citta’; Arte e Cultura (In vista di Expo Milano 2015 verrà pubblicato mese per mese il calendario delle principali mostre, dei concerti, della stagione lirica e delle feste tradizionali in programma); Expo Milano 2015; Made in Italy, Enogastronomia e Italia Low Cost (quest’ultima presenta tutte le opzioni per viaggiare in Italia risparmiando). Una delle novità più importanti del sito è, inoltre, la sezione Visti, che permette di compilare la documentazione per la richiesta di visto online, di prendere appuntamento al Centro Visti e, per gli utenti dell’area di Mosca, di pagare online le percezioni consolari. A esso si affianca la politica di facilitazione dei visti che l’Ambasciata sta portando avanti da ormai diversi mesi. 

“Nell’ultimo anno abbiamo aumentato del 150% la quota di visti multi-ingresso e pluriennali, che rappresentano ormai il 90% di tutti quelli emessi; inoltre, compatibilmente con la normativa Schengen, daremo il visto gratuito a tutti i minori di 12 anni: vogliamo infatti che l’Italia sia una delle mete favorite dalle famiglie russe; infine chiunque acquisterà un biglietto Expo (si può fare anche attraverso il portale “La Tua Italia”) avrà accesso a uno sportello riservato presso i Consolati Generali di Mosca e San Pietroburgo”, ha sottolineato l’Ambasciatore. Alla conferenza stampa sono intervenuti il Console Generale a Mosca, Piergabriele Papadia, e i due sponsor de “La Tua Italia”: il Prof. Antonio Fallico, Presidente di Banca Intesa Russia, e Timur Guguberidze, Direttore Generale di GUM.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta