Gli Urali ritrovati: tra gli stabilimenti di Dinas

Il nome di Dinas deriva dalla roccia Craig y Dinas in Galles

Il nome di Dinas deriva dalla roccia Craig y Dinas in Galles

Sergei Poteryaev
A quaranta chilometri da Ekaterinburg sorge questo piccolo villaggio dove da secoli si vive lavorando il ferro
Dinas è una piccola località di Pervouralsk (Oblast di Sverdlovsk), una città degli Urali a 40 chilometri a ovest di Ekaterinburg. Si tratta di un insediamento ancora pienamente in funzione
Lo stabilimento principale è l’impianto  di silice di Pervouralsk, che lavora una vasta gamma di prodotti  refrattari per la metallurgia e la costruzione di macchine industriali,  così come per la realizzazione di materiale per la produzione di  ferroleghe
Il villaggio è situato tra i fiumi Chusovaya e Shaitanka. Al confine settentrionale si trova la stazione di Podvoloshnaya, attraversata dalla Transiberiana
La silice è un composto del silicio la cui formula chimica è SiO2. Lo stato fisico più comune in natura è quello solido cristallino, in minerali come il quarzo e i suoi polimorfi
La produzione del silicio refrattario negli Urali iniziò nel 1928. Il deposito di Gora Karaulnaya venne scelto come base per la realizzazione del futuro impianto
La costruzione venne però ostacolata dal terreno paludoso e dalla mancanza di attrezzature e manodopera. Tuttavia la base della prima unità produttiva venne realizzata nel 1931, seguita dall’installazione dei macchinari
Nel maggio del 1932 una strada a scartamento ridotto venne costruita per collegare il pozzo al deposito di quarzite, e in giugno sono stati realizzati i primi prodotti. Ciò segnò la vera e propria nascita dello stabilimento
Una particolare caratteristiche dell’impianto è la sua relativa vicinanza ai depositi di scorie, che in alcuni periodi dell’anno disegnano un paesaggio che sembra il lato scuro della Luna. Si tratta di uno spazio senza vita, sopra il quale si apre il panorama industriale di Pervouralsk
Questo impianto è l’unico in tutta la Russia che produce refrattari di silice per il vetro e gli altiforni
Nel novembre del 1992 l’impianto è stato venduto all’asta, ed è iniziata così una nuova fase nel suo sviluppo. Le diverse condizioni economiche della Russia durante il periodo della Perestrojka hanno portato a un calo nel settore metallurgico e al crollo della domanda di refrattari di silice
Nel 1998 la produzione dell’impianto era diminuita di circa sei volte e mezzo rispetto al 1991
Questi cambiamenti hanno avuto forti ripercussioni anche sulla società e sul villaggio
I giacimenti di minerali ferrosi di questa zona vennero scoperti nel 1702 da Fedor Rossov vicino al Monte Volchikha
Nel 1730 la dinastia Demidov iniziò la costruzione di un impianto per la lavorazione del ferro sulle rive del fiume Shaitanka, dove è poi sorta la città di Pervouralsk
Nel 1931 iniziò la costruzione del nuovo impianto di tubature di Pervouralsk, il più grande in Europa, che offre lavoro a un gran numero di residenti