Gli Urali ritrovati: i Vecchi Credenti di Nevyansk

Nevyansk è una città nella regione di Sverdlovsk, sulle rive del fiume Neyva, a 100 chilometri da Ekaterinburg. Fondata nel 1701 con un decreto di Pietro il Grande, è divenuta negli anni un centro per la lavorazione del ferro e della ghisa

Nevyansk è una città nella regione di Sverdlovsk, sulle rive del fiume Neyva, a 100 chilometri da Ekaterinburg. Fondata nel 1701 con un decreto di Pietro il Grande, è divenuta negli anni un centro per la lavorazione del ferro e della ghisa

Sergei Poteryaev
Alla scoperta dell’antica Nevyansk, il villaggio dove da secoli si lavora il ferro
Nel 1702, il titolare del nuovo stabilimento di Nevyansk venne trasferito. Per via delle specifiche condizioni di lavoro, Nevyansk iniziò ad attrarre un gran numero di vecchi credenti: l’impianto era visto come un rifugio dalle persecuzioni delle autorità e un’opportunità per trovare un lavoro, dove si poteva praticare liberamente la propria fede 
I vecchi credenti dell’impianto di Nevyansk furono i primi a essere registrati in un censimento del 1721: 29 persone in totale. Nel XVIII e XIX secolo i vecchi credenti rappresentarono buona parte della popolazione di Nevyansk
Su decreto dell’imperatrice Elisabetta Ivanovna, datato 12 novembre 1735, i vecchi credenti vennero spostati dalle aree forestali e trasferiti presso le strutture industriali, dove iniziarono a lavorare
La tomba di Telepin Prokopievich, nato nel 1914
L’impianto venne chiuso da una fortificazione, all’interno della quale si trovavano gli edifici della fabbrica, una casa padronale e una chiesa in legno
Un decreto del 2 novembre 1736 impose che tutti coloro che si trovavano in questa zona dovessero restare qui per sempre
I prodotti di questo impianto vennero etichettati con il marchio “Vecchio zibellino”, considerato uno dei più pregiati di tutto il paese 
I vecchi credenti erano tra i lavoratori più qualificati e quindi meglio pagati dell’impianto
La tomba di famiglia di una coppia di coniugi e della loro figlia nel cimitero di Nevyansk, non lontano dalla Chiesa dei Vecchi Credenti
Un mercante tra i vecchi credenti non solo dotò la fabbrica di attrezzi utili, ma diede anche il via a un commercio. Nel 1763 il mercante moscovita Jeremiah Kharitonov, residente a Nevyansk dal 1755, acquistò diversi utensili e attrezzi di metallo per oltre 3.500 rubli. Un altro mercante acquistò nuova merce per un valore di 5.000 rubli 
Tomba nel cimitero di Nevyansk
Nella parte sud-orientale della città si trova un cimitero di 91 ettari. I luoghi di sepoltura si trovano vicino alla Chiesa Ortodossa dell’Ascensione e alla Cappella dei Vecchi Credenti
La chiesa in legno del Patrono della Santa Ascensione venne ricostruita e consacrata nell’ottobre 1871, per l’Ascensione del Signore. Funziona come cappella anche oggi, ed è considerata uno dei più famosi santuari per i Vecchi Credenti degli Urali 
Il cimitero di Nevyansk attira ogni anno un numero crescente di turisti. Il posto è il luogo adatto per lo studio della storia degli Urali e dello sviluppo di questa regione
Oggi a Nevyansk si contano circa 25.000 persone
La scritta su questa roccia recita: “Amo Nevyansk. P.S. Tyumen”. La città è famosa per la torre inclinata di Nevyansk, alta 57 metri. Non si conosce esattamente l’anno di realizzazione della torre, ma si ipotizza che venne costruita tra il 1721 e il 1745