Chukarin, il guerriero della ginnastica

Soldato dell'esercito sovietico durante la Seconda Guerra Mondiale, Viktor Chukarin colleziona undici medaglie olimpiche. Davanti a lui, solo i fuoriclasse della ginnastica Larissa Latinina, Nikolai Andrianov e Boris Shakhlin
 
 Viktor Chukarin
(Foto: Leonid Dorenskiy / Ria Novosti)

Esordire ai Giochi olimpici a 30 anni. Nel 1952, pochi anni dopo esser stato in guerra. Soldato dell'esercito sovietico durante la Seconda Guerra Mondiale. La storia di Viktor Chukarin non si racconta solo attraverso i successi, le medaglie olimpiche. Che alla fine sono state undici, il quarto russo di sempre nel medagliere all time. Davanti a lui, solo i fuoriclasse della ginnastica Larissa Latinina, Nikolai Andrianov, Boris Shakhlin.

Anche Chukarin è un talento fuori concorso nella ginnastica, con attitudine e talento mostrati sin da ragazzo. Poi, la guerra. Da prigioniero, poco dopo l'ingresso dell'Urss nel secondo conflitto mondiale. Quattro anni ai lavori forzati nel campo di concentramento nazista di Sandbostel. E un corpo sfinito dagli stenti, dalle fatiche, che, disse dopo qualche tempo, gli avevano reso “un'anima illuminata”. Per poi diventare ginnasta appena due anni dopo la fine della guerra, debuttando nel campionato nazionale sovietico con un quinto posto

Era l'inizio del percorso dorato che l'avrebbe portato a medaglie sia ai Giochi di Helsinki 1952 che a Melbourne, quattro anni dopo. Nel 1948 diventava il campione nazionale, tre volte campione del parallelo e cavallo con maniglie. Nella sua seconda apparizione in Coppa del Mondo, era medaglia d'argento negli anelli e barra alta.

L'anno prima dei Giochi, solo competizioni nazionali per Chukarin: tre medaglie, oro alle parallele, argento e bronzo in tutte attorno agli anelli. Poi l'esordio a cinque cerchi in Finlandia, trentenne. Nel Paese scandinavo ancora occupato dalle forze mlitari sovietiche furono realizzati tre villaggi olimpici: uno per i Paesi vicini all'Urss, uno per quelli vicini agli Stati Uniti, uno per le donne.

Timore reverenziale per Chukarin? Nulla, per chi ha vissuto l'inferno della guerra, del sangue. Oro nel concorso individuale, cavallo, volteggio, concorso a squadre. E secondo gradino del podio agli anelli e parallele. Era nata una stella. Che splendeva ancora due anni dopo, ai Mondiali di Roma. Tre ori per un totale di quattro medaglie. E ai Giochi australiani ecco altri tre ori, un argento, un bronzo.

Nel 1957, come Larissa Latinina, è stato insignito dell'Ordine di Lenin. Nel 2009, l'ex ginnasta è stata inserita accanto al bielorusso Vitaly Scherbo, la Ginnastica internazionale corridoio di fama.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta