Stranezze da italiani

Mosca vista dal basso di un'italiana
 
Credit: Niyaz Karim

I russi sono seri. Sorridono poco. E non salutano quando si entra nei negozi. Quanti luoghi comuni sono riuscita a smontare in questi anni! Ricordo con il sorriso l’imbarazzo che avevamo, noi ragazze arrivate dall’Europa, la prima volta in cui capitammo in Russia. Ci stupivano del fatto che entrando in un produkty la commessa non ci dedicasse le attenzioni previste. E ci offendevamo se in ascensore il nostro vicino di stanza russo non ci salutava con un sorriso a 32 denti. Ci sono voluti mesi, anni, prima di comprendere, accettare e apprezzare il modo di fare dei nostri ospiti (perché, non dimentichiamolo, noi restiamo pur sempre ospiti in questo paese straordinario).


(Foto: Photoshot / Vostock Photo)

Ma noi italiani ci siamo mai chiesti che cosa pensano i russi quando mettono per la prima volta il piede nel nostro Paese? Ho rivolto questa domanda a delle amiche. E ne ho annotato degli spunti divertenti. 

“Siete strani - ha detto Katia -, perché salutate in continuazione le commesse dei supermercati! E perfino l’autista dell’autobus. Li conoscete tutti?”. “Siete strani - ha aggiunto Ivan -, perché vi pulite le scarpe solamente due volte l’anno. E camminate per casa con le scarpe ai piedi!”.

“Siete strani perché dormite tutto l’anno con le persiane chiuse. Anche in estate. E perché, ovunque si vada, nel frigo ci sarà sempre una bottiglia di vino pronta per essere bevuta”. Per rimanere in tema culinario, secondo Masha siamo strani perché “giriamo” l’insalata per asciugarla, dopo averla lavata, ed evitiamo salse e maionese per condirla. 

Una volta mi hanno deriso perché ho consigliato di alleviare il mal di gola mangiando gelato. “Prova piuttosto con l’aglio!”, mi hanno risposto. E perché abbiamo sempre la pretesa di incartare i regali. Che comunque “non cambiano né forma né utilizzo, se impacchettati e dotati di fiocco”.

Tutte usanze che ai russi suonano molto buffe. E che strappano loro non pochi sorrisi. Chi sono, mi domando ora, quelli più strani fra i due?

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta