Economia, la Russia sorprende positivamente anche grazie allo sport

David Gray, managing partner di PwC Russia (Foto: Ufficio Stampa)

David Gray, managing partner di PwC Russia (Foto: Ufficio Stampa)

Basandosi sulla propria esperienza maturata nei 19 anni trascorsi a Mosca, il manager di PwC Russia, spiega in che modo le opportunità d’affari, anche nelle grandi kermesse internazionali, spesso possono essere sottovalutate dagli stranieri

Come fanno gli analisti quando offrono qualche consiglio su un titolo di Borsa, dovrei forse dichiarare innanzitutto che, pur essendo un inglese, ho “investito” molto in Russia. Vivo e lavoro in questo Paese da quasi 19 anni e ho persino sposato una russa. Tuttavia, permettetemi di affermare con decisione che per quanto riguarda gli investimenti la Russia rappresenta ancora un segreto ben custodito, capace di offrire delle ghiotte opportunità a coloro che possiedono la capacità di vedere oltre gli stereotipi e le sfide a breve termine.

La Russia vanta una radicata tradizione di pessimismo. Come mai, allora, io sono ottimista?

Un week end a Mosca

Beh, dopo aver atteso per diciannove anni che il Paese andasse in mille pezzi, oggi sono convinto che la Russia sia fondamentalmente cambiata per il meglio, e che continuerà a migliorare. Come dimostrano i cambiamenti che hanno recentemente trasformato Mosca e l’Universiade 2013 che si è tenuta a Kazan.

Nell'estate Mosca 2013 ha finalmente iniziato ad avere l’aspetto e l’aria di una moderna capitale europea. La creazione di nuovi parchi, il programma di pedonalizzazione, l’introduzione di efficaci misure volte a combattere il traffico e il sostegno dato alle due ruote hanno trasformato la capitale russa in una città moderna, che può finalmente vantare una vivace cultura “da caffè all’aperto”. Ho potuto constatare personalmente la rapidità della trasformazione quando un collega, tornato per la prima volta dopo due anni, si è detto decisamente sorpreso dalle differenze riscontrate nella città dalla sua ultima visita.

Universiadi 2013:
guarda la fotogallery

E a dispetto del vecchio adagio secondo cui le migliorie riguarderebbero “solo Mosca” (di nuovo quei pessimisti!), io credo che i cambiamenti stiano trasformando anche altre città nel resto del Paese. L’esempio più spettacolare di ciò è forse Kazan, che a luglio 2013 ha ospitato la XXVII Universiade, le olimpiadi studentesche. Come solitamente accade in Russia, alla vigilia della manifestazione i pessimisti già si fregavano le mani in un turbinio di previsioni negative, pronosticando un imbarazzante elenco di disastri logistici, eventi organizzati male e di scarsa qualità, stadi vuoti e spettatori e atleti frustrati.

Lo speciale su Sochi 2014

L’Universiade è stata invece, in ogni suo aspetto, un vero e proprio trionfo. Al loro arrivo atleti e turisti sono stati accolti dal nuovo, sfavillante terminal aeroportuale e da un esercito di volontari entusiasti. L’intera esperienza è stata una gioia. Le cerimonie di apertura e chiusura erano quasi paragonabili a quelle di Londra 2012. L’Universiade ha mostrato una Russia diversa e migliore: un Paese aperto, accogliente e moderno.

Adesso, secondo i pessimisti, le cose potrebbero solo peggiorare. Ma con Sochi 2014 ormai dietro l’angolo, ho la sensazione che la Russia sia ancora una volta pronta a dare il meglio di sé, e credo che dovremmo abituarci a simili, positive sorprese.

David Gray è managing partner di PwC Russia

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta