Quando tira aria di derby

Mosca vista dal basso di un'italiana
Credit: Niyaz Karim
Credit: Niyaz Karim

23 settembre 2013
Ebbene sì, anche io non resisto al fascino dei tacchetti (ricordate il mio tifo per l'Italia, mentre ero a Mosca, durante Euro 2012?), preferendolo a quello dei tacchi. O almeno mi lascio tentare.

Dunque, partiamo dall’inizio: domenica scorsa (22 settembre 2013, ndr) andava in scena l’evento calcistico più importante della stagione, il derby tra Spartak e Cska. Per chi non fosse pratico di calcio russo - non lo ero nemmeno io prima di venire a vivere qui - preciso che Spartak e Cska sono le due principali squadre di Mosca.

I festeggiamenti in campo degli 11 dello Spartak per la conquista del derby (Foto: Anton Denisov / Ria Novosti)

Lo Spartak, a quanto mi dicono gli amici russi, è la squadra di gran lunga più popolare sia in città che nel resto del Paese, perché insieme alla Dinamo Kiev era quella che vinceva di più negli anni dell’Urss e forse anche perché era la più indipendente dal potere di allora, a cui invece facevano capo direttamente il Cska (il club dell’Armata Rossa) e la Dynamo (la squadra della polizia).

Negli ultimi anni è cambiato tutto: i club polisportivi, come la maggior parte delle imprese, sono stati privatizzati e i nuovi miliardari russi si sono gettati a capofitto nelle avventure del pallone, come sappiamo leggendo le cronache sugli acquisti folli dei vari Anzhi, Zenit o Rubin Kazan.

Attualmente la squadra più forte è il Cska, che ha vinto l’ultimo campionato. Orbene, insieme a un amico russo (tifoso dello Spartak), avevo deciso di aggiungere un “derby di Mosca” all’elenco delle mie esperienze in questa città: “Vai tranquilla - mi diceva con l’aria di chi la sa lunga, - qui i biglietti si trovano sempre”.

Immaginatevi, allora, la faccia che ha fatto quando cinque giorni prima del match ha scoperto che… i posti erano andati esauriti già tre giorni dopo l’inizio delle vendite. A nulla è servito telefonare prima all’ufficio informazioni del club, poi ad altri amici in grado di trovarci, forse, qualche ticket dell’ultima ora. A quanto ho capito, il guaio è che quest’anno c’erano ben pochi biglietti (e molto cari) rispetto al solito, perché lo Spartak è stato costretto a traslocare dallo stadio olimpico Luzhniki (il più grande della città, che sta per essere abbattuto e ricostruito: nel 2018 ospiterà la finale dei Mondiali) a quello più piccolo del Lokomotiv.

Solo a partire dai Mondiali 2018 lo Spartak avrà finalmente uno stadio tutto suo: insomma, se credevate che gli stadi da ammodernare fossero un problema solo in Italia, vi sbagliate!

Alla fine, comunque, ci siamo goduti la partita davanti alla Tv: per la cronaca - e per la gioia del mio amico moscovita - ha vinto lo Spartak per 3-0, raggiungendo proprio i cugini del Cska in testa alla classifica.

Anch’io, trascinata dall’atmosfera casalinga, ho esultato per questo successo, in attesa, naturalmente, di potervi dire com’è una partita del campionato russo dal vivo!

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta