Estate in poesia

Un augurio di buona estate anche attraverso i versi di Aleksandr Pushkin (Foto: Photostock)

Un augurio di buona estate anche attraverso i versi di Aleksandr Pushkin (Foto: Photostock)

Il personale augurio di buone vacanze di Natalia Stepanova ne "La Russia in versi"

“C’è qualcosa del tutto particolare nelle calde e chiare notti delle piccole città russe di provincia alla fine dell’estate. Quale pace, quale benessere! Va in giro per l’allegra città notturna un vecchio con il mazzuolo, ma solo per il proprio piacere: non c’è niente da sorvegliare; dormi tranquilla, brava gente, sei protetta dalla benevolenza divina, da questo alto cielo splendente al quale il vecchio ogni tanto getta occhiate spensierate, vagabondando per il selciato riscaldato durante il giorno e, solo ogni tanto, per divertimento, diffonde col mazzuolo note danzanti” (1938, Ivan Bunin, 1870–1953).

Quando, quando sognerò questa estate,

Quando, quando essa verrà ancora,

Per baciare i fiori come le sigarette

E riempirsi dei loro petali la bocca?

La loro sottile pelle è percossa dagli schiaffi,

Essi crescono ardendo sulle gote,

Io questi petali non li sputo, li ingoio,

Li nascondo dentro di me,

Non mi perderanno di vista i calabroni,

Non si smarriranno su di me gli scarabei,

Sono qui – di fiori gialli riempita,

Sono qui – di acqua rosa colma,

E  cadere, perdersi così in questi  fiori -

Di calabroni, scarabei un vortice! –

Come solo i bambini possono e i morti,

Nascondendo in bocca le cose, care a loro.

Nata  Suchkova, 1976

 

Estate chiara e ardente

Delle quattro stagioni dell’anno

L’estate è la più chiara e la più

Ardente, fa maturare i frutti

E sparge risa e luce:

Com’è bello, discendendo al fiume

Fermarsi sopra l’acqua,

Per ascoltare in lontananza il cuculo,

Per vedere la giovane luna.

Nikolaj  Aseev  (1889 – 1963)

 

A Natasha

Appassirà, appassirà, la bella estate;

Voleranno via i chiari giorni;

Si stenderà la nebbia piovosa

Sull’ombra sonnolenta della notte;

Sono deserti i campi di grano,

Freddo è il gioioso ruscello:

Il riccioluto bosco si è diradato;

Pallida è diventata la volta celeste.

1815, Aleksandr Pushkin (1799 – 1837)

 

Compleanno (in aereo)

Guardando un’icona nell’angolo rosso del cielo,

Accolgo la quarantesima estate,

Appena sospesa sulla terra dorata,

Con una bottiglia di vino, un pomodoro e il pane.

Tutto ciò che finirà dura ancora.

E anche se il fuoco è ormai poco in me,

È tutto sotto la lingua – come in un uccello.

1988, Elena Shvarts (1948 – 2010)

 

Com’è fresco qui sotto il folto tiglio –

Qui non penetra la canicola del mezzogiorno.

E, su di me sospese, ondeggiano

Mille odorose ventole.

In lontananza, risplende l’aria rovente,

Fluttuando come nel dormiveglia.

Così tagliente-secco, soporifero e scoppiettante

È delle cicale l’incessante canto.

Dietro il velo dei rami, azzurra è la volta celeste,

Appena striata di foschia,

E, simili ai sogni della natura addormentata

Passano le nuvole ondulate.

Afafanasij Fet  ( 1820 – 1892)

 

10

La sera d’estate è alla finestra.

Simili ai cavalli stanno i meli schiumanti.

Accorsi da chissà quali luoghi, nella nebbia e polvere.

Il mio cuore è in fiamme.

Lo scialle nero della sera sulle spalle ho messo

E guardo fuori dalla finestra. E scorre sul palmo della mano,

Dal tramonto schizzato, il veleno rosastro.

Il vento va errando per le vie, come per le vene – in eccesso il sangue.

E la luna si netta dalle macchie grigiastre ai lavatoi dei tetti.

Boris Ryzhy

 

Le foglie gialle (U- F)

Le foglie gialle, come le monete di rame,

Piovono nel palmo della tua mano. Oh, estate,

L’autunno è più affidabile e generoso

In questo senso. Sul viale deserto

Un uomo sta con la mano tesa.

È greve come un’ombra alle spalle.

Amaro vento e fredda  sera,

È divenuto un segno nero.

Una voce sommessa,

Acquisito sul bianco il riflesso

Prosegue:

“Amico mio, ricolmo di malinconia,

Raccogli pure, alzando le spalle, quelle

Cadute nella fanghiglia. E, nascosto

Dalla nebbia, mettile in tasca.

Per debolezze e perdite e addii

L’autunno versa nelle tue mani –

Che magari, non seppero il peggio-

La più stabile valuta,

La più bella – l’importante è saldare il conto –

Delle foglie, amico mio. Accetta almeno le foglie”.

Boris Ryzhy  ( 1974 – 2001)

Buona estate con la Poesia!

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta