Il dolce di semolino nella cucina russa

Il dolce russo mannik (Foto: Divya Shirodkar)

Il dolce russo mannik (Foto: Divya Shirodkar)

Si chiama mannik, è facile da preparare e si accompagna al tè

Si chiama mannik il delizioso dolce russo da tè a base di manka, o sooji, facile e veloce da preparare.

I termini sooji, semolino, o manka in russo, stanno a indicare i granelli ruvidi e grossolani che rimangono del grano dopo che questo è  stato setacciato a macchina.   

Il manka mi ricorda sempre la mia infanzia: all’asilo il sooji era servito diverse volte a settimana, cotto nel latte e con lo zucchero. Per apprezzare appieno questa pietanza, occorre che sia cotta a puntino senza risultare grumosa. 

La cucina russa impiega raramente il sooji o manka; infatti, sono solo due i piatti che ne prevedono l’utilizzo: il porridge e il dolce mannik. Essendo un’appassionata buongustaia, sono rimasta sorpresa nel venire a sapere che gli italiani preparano gustose pietanze a base di semolino, e che la semola è il principale ingrediente della pasta. Il dolce al semolino russo è molto facile da preparare, e delizioso da gustare all’ora del tè.

Dolce al semolino - mannik

Ingredienti

200 gr di panna acida

(o, in alternativa, 100 gr di yogurt tipo greco e 100 gr di panna fresca)

240 gr di semolino

200 gr di zucchero

3 uova

1 cucchiaino di bicarbonato

100 gr di albicocche secche (o qualsiasi altro frutto disidratato)

Estratto di vaniglia

Preparazione

Mescolate il semolino con lo yogurt e la panna, e lasciate riposare in frigo per trenta minuti.

Nel frattempo, immergete la frutta secca in una ciotola di acqua tiepida.

Montate le uova con lo zucchero, sino a quando questo non si sarà completamente disciolto.

Incorporate alle uova il composto a base di semolino, mescolando scrupolosamente.

Aggiungete l’estratto di vaniglia e il bicarbonato.

Imburrate una teglia da forno e versatevi metà del composto. Aggiungete la frutta secca, e poi il resto del composto.

Infornate nel forno preriscaldato a 180 gradi, lasciando cuocere per trenta minuti.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond