Le eccellenze italiane in Russia passano per Villa Berg

I consigli per investire in Italia e le opportunità di lanciarsi sul mercato russo negli incontri organizzati dall'Ambasciata d'Italia a Mosca

Dopo le presentazioni della Fiat 500 e del Festival Nice dedicato al nuovo cinema italiano, altre eccellenze italiane sono state proposte da Denezhnij pereulok.  

Il 22 aprile 2013 si è svolto in Ambasciata il seminario, intitolato “Investire in Italia: opportunità, settori, storie di successo”, con la partecipazione del presidente di Invitalia, On. Giancarlo Innocenzi Botti, e del vice direttore generale della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, e alla presenza di circa duecento professionisti russi ed italiani appartenenti a fondi d’investimento, studi legali, banche, istituzioni finanziarie e grandi aziende. Obiettivo dell’incontro, incoraggiare gli investimenti russi in Italia: l’evento ha permesso di focalizzare meglio l’interesse reciproco e ha rappresentato la prima tappa di una serie di iniziative sul tema che l’Ambasciata continuerà a promuovere, d’intesa con i principali attori del “Sistema Italia” in Russia.  

La cerimonia di consegna del tradizionale "Ponte d'Oro" a Villa Berg, residenza dell'ambasciatore italiano a Mosca (Foto: Ufficio Stampa)

Alcuni giorni dopo si è invece tenuto il forum “Eccellenze italiane in architettura e mercato russo: realtà e prospettive”, reso possibile grazie a UBI Banca, cui hanno partecipato numerosi rappresentanti del mondo dell’architettura e delle costruzioni russo e italiano. Dopo un primo intervento di carattere storico-artistico dedicato a Palazzo Te di Mantova, hanno fatto seguito le presentazioni di alcune eccellenze italiane del settore delle pietre dure e dell’arredamento.

Sempre sul fronte economico è stato anche presentato il progetto “Gate Italy”. Si tratta di un progetto proposto da GIM-Confindustria Russia e altri soggetti pubblici e privati, che punta a mettere il centro logistico di Chechov, attualmente di proprietà di Unicredit, a disposizione delle imprese italiane esportatrici nella Federazione Russa e delle nostre aziende di logistica, al fine di abbassare in maniera significativa i costi logistici ed i tempi di sdoganamento. In occasione della presentazione, l'hub di Chechov, 50 chilometri a Sud di Mosca, è stato visitato dall’Ambasciatore Zanardi Landi, insieme al vice presidente di Confindustria Edoardo Garrone e a una delegazione di imprese appartenenti a GIM-Confindustria Russia.

La cerimonia di consegna del "Ponte d'Oro" a Villa Berg (Foto: Ufficio Stampa)

Infine, un tocco di leggerezza, con il tradizionale “Ponte d’oro” promosso dalla rivista “Italia – la vita come arte”: premiati coloro che nel 2012 hanno brillato nelle relazioni tra Russia e Italia. Tra i nominati, molti volti noti della cultura e dell’economia russa: Georgy Luntovsky, vice governatore della Banca centrale russa, Alexey Meshkov, vice ministro degli Affari Esteri, Vladimir Sadovin, direttore generale della catena di distribuzione di prodotti alimentari “Azbuka Vkusa”, Alexander Shokhin, presidente dell’Unione Russa Industriali e Imprenditori, Vladimir Yakunin, presidente delle Ferrovie Russe e della Fondazione Sant’Andrea il Primo Chiamato, Alexey Bukalov, direttore di Itar-Tass per l’Italia e il Vaticano, Nikita Mikhalkov, cineasta e premio Oscar, Dimitri Shvidkovskiy, rettore dell’Istituto di Architettura “Marchi”, Aleksandr Sokolov, rettore del Conservatorio Tchaikovsky, e Tatiana Tarasova, gloria sportiva russa ed allenatrice di pattinaggio artistico. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie