Buona fortuna, good luck, удачи

Foto: Getty images/Fotobank

Foto: Getty images/Fotobank

Mosca vista dal basso di un'italiana
Credit: Niyaz Karim
Credit: Niyaz Karim

31 gennaio 2013
Basta poco a farmi ripiombare nel passato; basta una parola a farmi salire sulla macchina del tempo che mi riporta immediatamente al mio arrivo a Mosca. Sì, basta una parola, che è questa: удачи, udàci.

Il dizionario online riporta le seguenti definizioni ed espressioni, a tal proposito: удача successo (успех); riuscita; buon esito. пожелать удачи — augurare successo. желаю удачи! — successi!; buona fortuna! поздравить с удачей — fare i complimenti per il successo. это большая удача — è un bel colpo; un terno al lotto. нет ему ни в чем удачи — non ha fortuna in niente; non la spunta mai.

È così: удачи è il mio biglietto di ritorno, che mi riporta all'autunno 2011, quando presi la decisione di cercare fortuna (esattamente удача) a Mosca. Di fortuna avevo, allora, e ho, oggi, tanto bisogno; certo all'inizio non conoscevo la parola russa. Ma ricordo perfettamente che mi sentivo sempre ripetere, certo, all'inizio in inglese, "good luck". Dalla mia coinquilina russa quando la mattina uscivo di casa e le auguravo una buona giornata; dal gentile sconosciuto che al supermercato mi diede una mano, in inglese, alla cassa; dalla ragazzina che mi indicava la fermata della metropolitana.

In Russia, al saluto, è tradizione aggiungere un augurio di buona fortuna (Foto: Getty images/Fotobank)

"Good luck", "Buona fortuna", era una continuazione, in qualsiasi situazione. Io rimanevo sempre stupita nel sentirmelo dire: addirittura mi si augura "buona fortuna" - pensavo tra me e me -, e cosa mai dovrà succedermi varcato l'uscio di casa? O sarà così difficile prendere questa metro? O pagare alla cassa del supermercato?

Insomma, per farla breve, solo molto dopo mi è stato spiegato che "good luck", o meglio удачи, quella fortuna invocata e augurata che tanto mi meravigliava, non era altro che un tipico e cordiale saluto alla russa, un benevolo augurio di commiato, un po' come direi io a un mio compaesano: ciao, stammi bene.

Ma questo удачи è stato davvero la mia stampella per arrivare fino a oggi. Non posso non riconoscerlo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta