Politica migratoria russa, cambiamenti in arrivo

La lotta alla clandestinità resta una priorità del governo russo (Foto: Itar-Tass)

La lotta alla clandestinità resta una priorità del governo russo (Foto: Itar-Tass)

Così il governo cerca di attirare nel Paese lavoratori altamente qualificati e di fronteggiare il fenomeno della clandestinità

La Russia sta rivedendo la propria politica sull’immigrazione. Come ha spiegato Konstantin Romodanovsky, direttore del Servizio Federale di Migrazione (Fms), in precedenza la legislazione russa si concentrava principalmente sui lavoratori temporanei, ora, invece, i funzionari russi vogliono cercare di creare le giuste condizioni per attirare specialisti qualificati. Uno degli strumenti sarà il sistema a punti per ottenere il permesso di soggiorno.

Secondo i calcoli dell'Fms, sul territorio russo vivono stabilmente 800mila stranieri, mentre nei Paesi europei queste cifre sono molto più alte. In Russia arrivano perlopiù persone provenienti dai Paesi dell’ex blocco sovietico, da Turchia, Cina e Vietnam. Inoltre, nella Federazione ci sono circa 3,5 milioni di lavoratori illegali, il doppio di quelli legali. Per cambiare le dinamiche dell’immigrazione, le autorità hanno preparato una serie di progetti di legge che hanno già ottenuto l’approvazione del governo della Federazione Russa.

Romodanovsky ha commentato che verrà, in primo luogo, rivisto il sistema delle quote per l’assunzione di manodopera straniera. Attualmente, sono le aziende a ricevere le quote, se vogliono fin dall’inizio assumere un lavoratore straniero. Ma d’ora in avanti ci sarà un nuovo sistema e cambieranno le regole di assunzione. Durante il primo mese, il posto vacante sarà offerto ai residenti della regione, durante il secondo al resto dei russi e solo dopo agli stranieri. Le autorità vogliono in questo modo introdurre un principio di equità che consenta agli abitanti locali di avere la priorità quando si tratta di ottenere un posto di lavoro. Tuttavia, per il momento, si tratta solo di una proposta e la decisione sul sistema finale di quote verrà presa solo all’inizio del prossimo anno.

Sempre secondo i piani dell'Fms, dopo 90 giorni di permanenza nella Federazione, gli stranieri dovranno ottenere lo status di residente temporaneo. Si tratta di un documento simile al già esistente “permesso di soggiorno temporaneo”. Gli specialisti qualificati potranno ottenere questo status per due anni, mentre gli immigrati altamente qualificati (che guadagnano più di 2 milioni di rubli l’anno) per tre anni. Gli sportelli territoriali dell'Fms saranno incaricati di rilasciare questi permessi, che, simili a un visto, verranno incollati direttamente sul passaporto.

Secondo quanto rivelato dai funzionari, agli studenti stranieri, che studiano nelle università russe, verrà concessa la possibilità di lavorare. Ai laureati universitari verrà offerta la possibilità di rimanere in Russia per tre anni. Qualora la loro qualifica sia richiesta, potranno ottenere la cittadinanza russa.

Gli stranieri riceveranno anche il diritto di registrarsi presso il proprio luogo di residenza. Si tratterà, comunque, solo di un diritto e non di un obbligo, ha chiarito Romodanovsky.

Il permesso di soggiorno sarà rilasciato sulla base di un sistema a punti. Il Servizio Federale di Migrazione prenderà in considerazione l’età, il livello di istruzione e l’esperienza lavorativa dei richiedenti. Sia i visitatori stranieri temporanei che i residenti permanenti (compresi i partecipanti ai programmi di rimpatrio dei connazionali) dovranno compilare un questionario con i loro dati personali, indicando l’età, il livello di conoscenza della lingua russa, l’esperienza lavorativa, eventuali offerte di impiego ricevute da datori di lavoro russi e se hanno parenti nella Federazione russa.

Ogni risposta sarà valutata secondo un sistema a punti. Per ottenere uno status giuridico in Russia, gli stranieri dovranno raggiungere un punteggio di 75 su 100. Attualmente, per chiedere un permesso di soggiorno in Russia, gli stranieri devono inizialmente ottenere un permesso di soggiorno temporaneo e poi trascorrere nel Paese da uno a tre anni. Il nuovo formato semplificherà la procedura. Tuttavia, gli esperti segnalano che per le persone con più di 55 anni sarà molto difficile ottenere i punti necessari.

 

Vladimir Burov, vicedirettore del dipartimento dell'Fms che si occupa di questioni relative alla cittadinanza, ha riferito che per l’ottenimento della cittadinanza verranno stabilite delle condizioni speciali per gli investitori e gli imprenditori che conducono affari sul territorio russo. “A tal fine il governo elaborerà una lista delle attività commerciali ritenute interessanti per lo Stato russo. Dovranno aver un fatturato minimo annuo di 10 milioni di rubli”, ha sottolineato Burov. Anche le famiglie di questi imprenditori godranno degli stessi privilegi. Mentre le bambinaie e le cameriere, che lavorano a tempo pieno presso queste famiglie, dovranno seguire la procedura generale.

 

Secondo le autorità, i principali problemi legati all’immigrazione sono l’uscita dal Paese oltre il tempo limite stabilito dal visto e la violazione della legislazione russa da parte dei lavoratori immigrati. D’ora in avanti i trasgressori saranno soggetti a pene più severe. Se prima, ad esempio, gli immigrati indisciplinati venivano o sanzionati o espulsi, adesso subiranno entrambe le pene. Oltre alle sanzioni amministrative, potranno essere espulsi e vedersi negato un nuovo ingresso. La decisione spetterà a un giudice. Anche le violazioni fiscali verranno perseguite con la stessa determinazione.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie