Putin: "Cosa migliorare della Russia"

Il Presidente Vladimir Putin al Forum dei giovani Seliger 2013 (Foto: Konstantin Zavrazhin/RG)

Il Presidente Vladimir Putin al Forum dei giovani Seliger 2013 (Foto: Konstantin Zavrazhin/RG)

Ospite del Forum dei giovani Seliger 2013, il Presidente ha anche rivelato quali sono i suoi piani futuri quando si ritirerà dagli incarichi pubblici

Il Presidente Vladimir Putin ha incontrato i partecipanti del Forum dei giovani Seliger. Putin ha parlato ai giovani di ciò che non gli piace nella Russia contemporanea e di ciò che pensa sulle richieste di dimissioni del governo; dei propri progetti per il futuro e dell'opposizione.

Il capo dello Stato ha confessato che non voterebbe a favore delle dimissioni dell'esecutivo guidato dal suo alleato di lungo corso Dmitri Medvedev, perché il governo tutto sommato sta svolgendo le sue funzioni. Al termine del proprio mandato Putin ha intenzione di continuare l'attività pubblica e sociale. Il Presidente non è soddisfatto della lotta troppo debole alla corruzione, del basso reddito dei cittadini russi, di come funzionano l'apparato statale e il sistema politico.

L'opposizione e i "combattenti contro il male", secondo il Presidente, hanno tutto il diritto di esprimersi e di muovere delle critiche, ma devono dimostrarsi loro stessi irreprensibili e obbedire alle leggi. D'altra parte, il Presidente ha dichiarato di essere rimasto stupito dalla condanna di Alexei Navalny per il "caso Kirovles".

Nel corso dell'incontro ha preso la parola un giovane comunista che ha domandato a Putin se non ritenga opportuno mandare a casa il governo, come vorrebbe fare il Partito Comunista. "A onor del vero devo dire che il governo nel complesso sta svolgendo le sue funzioni egregiamente... Se lei mi domandasse se voterei (a favore delle dimissioni dell'esecutivo), la mia risposta sarebbe no", ha risposto il Presidente.

Uno dei partecipanti al colloquio ha citato una frase dello stesso Putin, secondo cui se una persona è contenta di tutto è un idiota, e ha domandato al capo dello Stato di che cosa non si senta soddisfatto. "Ci sono molti problemi della cui soluzione non sono soddisfatto. La prima questione e il primo problema è la corruzione che logora la nostra società e il sistema statale", ha risposto il presidente.

Putin è scontento anche dei bassi livelli di reddito dei suoi concittadini, dell'insufficiente sviluppo delle infrastrutture e della provincia russa. "E poi, naturalmente, non siamo mai soddisfatti e non ci accontenteremo di come funzionano l'amministrazione pubblica e lo stesso sistema politico", ha aggiunto il Presidente.

Nei confronti dell'opposizione Putin, in qualità di capo dello Stato, ha avanzato richieste assai concrete e tradizionali: essa deve operare nell'ambito della legge. Ciò concerne sia l'opposizione parlamentare, come ad esempio il Partito Comunista, sia le forze politiche esterne al sistema, e in particolare il candidato sindaco di Mosca Alexei Navalny, che il tribunale di prima istanza ha condannato a cinque anni di reclusione.  

"Ogni persona ha il diritto di esprimere le proprie idee, ognuno può e ha il diritto di esprimere il proprio punto di vista, la propria posizione, anche se critica nei confronti di qualunque altra persona del nostro Paese... L'importante è che ciò avvenga entro i limiti imposti dalle leggi vigenti e che non leda i diritti e gli interessi degli altri cittadini", ha dichiarato il Presidente.

L'argomento Navalny ha interessato molto i partecipanti del forum giovanile e, pertanto, a Putin sono state rivolte diverse domande sul suo atteggiamento nei confronti dell'attivista.

"Si può iniziare una lotta ai problemi più scottanti, come ad esempio la corruzione, e attirare così l'attenzione su di sé. Io ritengo che chiunque abbia intenzione di impegnarsi in qualche modo nella lotta contro il male debba essere lui per primo irreprensibile", ha spiegato il Presidente.

Commentando la condanna subita dal suo oppositore, Putin ha confessato di essere rimasto sorpreso dalla diversa gravità delle pene inflitte agli imputati del processo. Uno dei personaggi coinvolti, Vjacheslav Opalev, ha preso quattro anni con la condizionale, mentre Navalny è stato condannato a cinque anni di reclusione senza condizionale.  

Putin ha respinto le voci secondo cui Navalny sarebbe un suo "progetto", ma ha ammesso che la comparsa di oppositori come lui in Russia è in parte legata all'attività da lui stesso svolta negli incarichi di Presidente e di premier.  

Come da tradizione, alcune domande hanno riguardato personalmente Putin e i suoi progetti dopo la conclusione della carriera politica. "Spero che ancora non stia per concludersi", ha risposto il Presidente.

Putin ha dichiarato di avere molte occupazioni interessanti, molte passioni: "Spero che risulteranno utili", ha affermato. "L'attività di statista e quella sociale sono cose un po' diverse tra loro, ma io parto dal presupposto che continuerò a occuparmi della società", ha aggiunto il capo dello Stato.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond