Il nuovo ministro della Difesa in balia dei generali?

Vignetta di Sergei Elkin

Vignetta di Sergei Elkin

L'esercito russo potrebbe veder buttate via alcune delle grandi riforme avviate da Anatoly Serdyukov, poiché il suo successore Sergei Shoigu cederebbe a pressioni interne

Quando Sergei Shoigu è stato nominato nuovo ministro della Difesa, l'atmosfera generale tra le élite militari era di speranza; la speranza che avrebbe immediatamente revocato le decisioni del suo predecessore, Anatoly Serdyukov.

Le riforme di Serdyukov avevano ricevuto pesanti critiche all'interno delle forze armate, poiché avevano determinato il licenziamento di decine di migliaia di ufficiali e sottufficiali, la liquidazione di centinaia di unità dell'esercito e la chiusura di decine di centri di addestramento militare. L'abolizione del concetto di mobilitazione di massa, che è stata alla base di tutte queste decisioni dolorose, ha segnato una rottura con 300 anni di cultura militare russa.

La situazione non è migliorata, neppure quando lo stipendio militare è stato raddoppiato - e in alcuni casi triplicato - o quando decine di migliaia di famiglie degli ufficiali sono state trasferite in nuove case. È per questo che nei suoi primi mesi in carica, Shoigu si è trovato sotto una tremenda pressione da parte della cosiddetta comunità militare, che ha chiesto che il nuovo ministro prendesse le distanze dall'eredità del suo predecessore.

Tuttavia, quando Serdyukov è stato sollevato dalle sue funzioni, sia il Presidente Putin che il primo ministro Medvedev lo hanno lodato per i quattro anni spesi a lavorare per la riforma delle forze armate. Il loro apprezzamento nei confronti del lavoro di Serdyukov ha messo in chiaro a Shoigu che non ci si aspettava da lui cambiamenti drastici. La situazione si è rivelata tutt'altro che semplice per il nuovo ministro.

Finora, sembra che Shoigu sia riuscito a evitare di prendere decisioni gravose, nonostante le serie pressioni da parte della "comunità militare". Al contrario, si è dedicato a introdurre misure marginali. Una delle quali è stata permettere alla scuola dei cadetti di Suvorov di prendere parte alle parate militari nella Piazza Rossa. Ordinando anche il ripristino di vecchie scuole e accademie militari, oltre che la creazione di nuove strutture. Credo che gli aiutanti di Shoigu gli abbiano dato in pasto questi interventi nel tentativo di alleviare l'ansia nel modo più indolore possibile e costruire la sua autorità mantenendo invariati i principali risultati della riforma militare.

Se il nuovo ministro ha adottato una tale logica, allora sta facendo un grosso errore. Queste decisioni sembrano solo apparentemente poco importanti. Alcune, infatti, richiederanno nuove disposizioni che finiranno per determinare una revisione di alcuni degli elementi cruciali delle riforme di Serdyukov, che è quello che vogliono i militari conservatori.

Prendiamo, ad esempio, l’istituzione di nuove scuole militari. Attraverso la creazione di scuole e accademie per separare le armi e i servizi, il ministro sta essenzialmente ripristinando il vecchio sistema a tre livelli dell’addestramento militare: per raggiungere una posizione al top del vertice militare, un ufficiale dovrebbe ricevere quattro anni di formazione in una scuola militare, poi passare altri tre anni in una succursale dell’accademia e finalmente ricevere ulteriori due o tre anni di formazione presso l'Accademia Maggiore.

I riformatori hanno ritenuto irrazionale che gli ufficiali anziani abbiano trascorso quasi la metà della loro carriera militare isolati dalle truppe che si presuppone essi comandino. Così hanno chiuso decine di scuole e accademie militari, suggerendo di sostituirle con 10 centri di formazione. Ogni chiusura o fusione delle scuole è stata accolta dalle proteste che hanno visto coinvolti i diplomati di alto profilo delle scuole in questione.

Tuttavia, la riforma è stata messa in atto. Ma gli sforzi di Shoigu per istituire nuove scuole e accademie minano le idee originarie di unificare i centri di formazione, insieme al concetto di una formazione militare continua. Una volta che la nuova amministrazione avrà annullato le riforme di Serdyukov a titolo definitivo, praticamente ripristinerà il sistema sovietico di addestramento militare, con un numero eccessivo di ufficiali diplomati. Questo surplus può essere attribuito solo alla possibilità di una mobilitazione di massa.

La contro-riforma che è attualmente in corso è un inevitabile risultato della decisione che il Presidente ha preso quando ha nominato Shoigu, la decisione di fare ancora una volta ministro della Difesa un generale dell'esercito. Mentre, commentando questa decisione, gli analisti vicini al Cremlino hanno insistito sul fatto che il Presidente stava cercando di aiutare il fresco di nomina Shoigu a costruire la sua autorità, qualcosa che era mancata al ferocemente biasimato borghese Serdyukov. Comunque, i generali russi sono abili manipolatori. Essi possono facilmente far credere a qualsiasi nuovo comandante che egli è parte della macchina militare, e ogni nuovo capo del Ministero della Difesa si sente inevitabilmente parte della società militare.

Serdyukov ha tentato di dividere il Ministero della Difesa in due carreggiate: quella civile, responsabile della finanza e dei rifornimenti, e quella militare. Ed è così accaduto che i colleghi del servizio fiscale di Serdyukov siano stati nominati responsabili della sezione civile. È stato proprio questo "battaglione ai margini" che ha irritato gli ufficiali anziani.

Gli ufficiali civili saranno sostituiti dai generali, e invece di prendere importanti decisioni politiche, il ministro sarà destinato a trattare le questioni puramente tecniche e ad esserne responsabile. Sembra che sia stato preso in ostaggio dai generali che prendono queste decisioni...

L'autore del testo è un osservatore militare
Per leggere il testo in versione originale cliccare qui 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie