La Dolce Vita che seduce Mosca

Al festival “La bella Italia”, organizzato nella capitale russa, arte, musica e tradizioni del Belpaese per portare l’aria del Mediterraneo nella terra degli zar

Che i russi amino l’Italia non è una novità. E, nonostante la pioggia e il maltempo di giugno, i moscoviti non hanno perso l’occasione di partecipare a un festival interamente dedicato al Belpaese: “La bella Italia”, che per tre giorni ha trasformato il parco Tsarytsyno della capitale russa in un vero angolo d’Italia. 

“Volevamo offrire ai russi uno sguardo diverso sull’Italia - ha raccontato Davide Costantini, fotografo e organizzatore del festival -. È stato come un puzzle composto da tanti piccoli pezzi”. L’evento clou della manifestazione è stato il dramma lirico “Il matrimonio Segreto” di Domenico Cimarosa, compositore italiano che durante la sua vita è stato alla corte di Caterina II. Oltre all’opera, il “puzzle” di cultura italiana è stato composto anche da lezioni di cultura, mostre fotografiche ed esposizioni di costumi d’epoca, oltre alla proiezione del film “100 metri dal paradiso” di Raffaele Verzillo e allo spettacolo di danza storica del periodo rinascimentale “Le Gratie d’Amore”.  

Continua a leggere: I sette musei più belli di Mosca

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta