L'Anna Karenina in carne e ossa del cinema

Nel giorno del 185mo compleanno dello scrittore Lev Tolstoj, ecco un'analisi di come uno dei suoi personaggi letterari più noti sia stato proposto nel tempo sul grande schermo

 

Video: "Love" (1927), protagonista  Greta Garbo, regia di Edmund Goulding;  "Anna Karenina" (1935), protagonista  Greta Garbo, regia di  Clarence Brown;  "Anna Karenina" (1948) protagonista  Vivien Leigh, regia di Julien Duvivier; "Anna Karenina" (1967), protagonista  Tatiana Samoilova, regia di Alexander Zarkhi; "Anna Karenina" (1997 film), protagonista  Sophie Marceau, regia di Bernard Rose; "Anna Karenina" (2009), protagonista  Tatiana Drubich, regia di Sergej Soloviev;  "Anna Karenina" (2012), protagonista  Keira Knightley, regia di Joe Wright.

Testo: Lev Tolstoj, "Anna Karenina", con commento fuori campo di Vladimir Sedov, Musica: Johannes Brahms, Sinfonia No.3, Editing: Daria Donina

Esistono oltre 20 adattamenti cinematografici dell’opera di Lev Tolstoj “Anna Karenina”. E quanti più ne appaiono, tante più critiche raccolgono dai critici letterari della vecchia scuola russa, che caparbiamente accusano registi di non prestare alcuna attenzione alla descrizione fisica di Anna.

Secondo il testo di Tolstoj, Anna aveva gola e spalle piene, braccia tonde dal polso sottile e piccolo, collo tornito e riccioli di capelli scuri sfuggenti. “Tutto ciò che si notava di lei erano quei piccoli anelli di capelli ricci che, aggraziandola, si sbizzarrivano sempre intorno alla nuca e alle tempie”.

Preferiva vestirsi di nero e con abiti semplici, non con quei vestiti colorati come torte, con merletti e pizzi. “Il suo vestito nero, con merletti pregiati, neppure si notava su di lei; era solamente una cornice, e ciò che ne risaltava era lei, semplice, naturale, elegante e, allo stesso tempo,gaia e viva”.

Ma chi dice che un regista debba seguire passo passo la descrizione letteraria? Essendo un artista dovrebbe essere libero di interpretare il testo. Quindi non giudicheremo nessuno e lasceremo a voi decidere quale Anna Karenina sia la più Karenina di tutte.

È l’esile Keira Knightley? O la gentile e morbida Marceau? O sono forse le più belle donne della cinematografia mondiale, Greta Garbo e Vivian Leigh, a rappresentare al meglio le qualità di Anna? Le attrici russe Tatiana Samoilova o Tatiana Drubich sono forse più vicine alla vera Karenina?

Sta a voi decidere.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta