La provincia russa nei pennelli di Yuon

Cupole e rondini. La Cattedrale dell’Assunzione del monastero della Trinità di San Giorgio, 1921

Cupole e rondini. La Cattedrale dell’Assunzione del monastero della Trinità di San Giorgio, 1921

Konstantin Yuon
Il fascino, i colori, l’autenticità della campagna ritratti dal pittore russo vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento
Konstantin Yuon era artista grafico, pittore e sceneggiatore. Ha lavorato in diversi campi, anche se la sua più grande passione è sempre stata la pittura. Vicino alla corrente Impressionista, Yuon ha assorbito l’influenza delle tradizioni realiste russe del tardo Ottocento. Così come Boris Kustodiev, anche Konstantin Yuon era innamorato dell’antica arte russa, per il suo lato decorativo e la vivacità che la caratterizzava. E molte delle sue opere sono dedicate alla vita di provincia: gli interessava il contrasto delle condizioni atmosferiche, la vita delle città e dei villaggi più isolati, l’architettura delle chiese e dei monasteri. Dopo la Rivoluzione, lo stile del pittore cambiò, anche se i ritratti della provincia russa hanno continuato a essere presenti in molti suoi quadri // Trojka di cavalli a Uglich, 1913
Mulino. Ottobre. Ligachevo. 1913
Finestra sulla natura. Ligachevo. Maggio, 1928
Mattina a Uglich, 1913
Una splendida mattina primaverile, 1910
Il villaggio del governatorato di Novgorod, 1912Ti potrebbe interessare anche: Vita di provincia
Finestra aperta. Ligachevo, 1947
Le canzoni del kolkhoz. Ligachevо, 1954
Molo nella città di Volzhskij, 1911