Gagarin come non lo avete mai visto

Il cosmonauta sovietico Yurij Gagarin durante un periodo di vacanze a Sochi, 1961.

Il cosmonauta sovietico Yurij Gagarin durante un periodo di vacanze a Sochi, 1961.

: Yurij Abramochkin
Amato dai familiari, apprezzato dai colleghi. Ecco chi era, nella vita di tutti i giorni, l'uomo che cambiò il destino dei voli spaziali

Esattamente 55 anni fa Yurij Gagarin ha toccato le stelle, facendo sognare lo spazio ai bambini di tutto il mondo. E anche oggi, a distanza di oltre mezzo secolo, i ragazzi guardano il cielo immaginandosi come fosse stato quel primo, storico viaggio, che spalancò all'umanità le porte dello spazio. 

Rbth propone ai propri lettori di conoscere più da vicino Yurij Gagarin, osservandolo attraverso gli occhi dei suoi parenti, dei suoi amici e delle persone che lo hanno conosciuto personalmente. Così, quando cala la notte, riuscirete a immergervi anche voi nel sogno di ammirare il mondo dallo spazio. Proprio come fece lui.

"Mio zio Gagarin, che uomo"

Tamara Filatova ricorda lo zio Yurij Gagarin senza l'aura della fama mondiale che lo circonda ora, ma come una persona semplice, senza pretese e di casa. Il volo di Yurij fu una sorpresa per tutta la famiglia, perché la preparazione avvenne in modo assolutamente segreto.

Yurij Gagarin. Fonte: Ria Novosti

"Io ero già abbastanza grande, avevo 14 anni - racconta Tamara -, e quindi ricordo molto bene, quando arrivò una delle insegnanti, Polina Viktorovna e mi disse: “Tamara, ma tuo zio non fa il pilota?” e io risposi: “Sì, Yurij Alekseevich”. “Ma sai che è nello spazio?”".

Continua a leggere questo articolo: "Mio zio Gagarin, che uomo"

Gagarin secondo il collega Leonov

Nessuno psicologo e nessun politico avrebbero mai potuto prevedere quali sarebbero state le conseguenze mondiali del volo di Gagarin. Nessuno pensò che il nome di Gagarin sarebbe diventato il nome più famoso della storia dell'umanità. "Quando chiedevano a noi astronauti della prima squadra chi fosse il più degno di compiere il primo volo, la maggior parte rispondeva: Yurij. Perché tutta la sua vita era andata verso quel volo. A lui poteva essere affidato", racconta Aleksej Leonov, amico e collega di Yurij Gagarin, membro della prima squadra di astronauti. 

Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
Yurij Gagarin, tra lavoro e vita privataFonte: Ria Novosti, Tass e fonti di libero accessoYurij Gagarin, tra lavoro e vita privata
 
1/9
 

"Il giorno del ricevimento ufficiale del primo astronauta al Cremlino, quando arrivai nei pressi della Piazza Rossa, vidi qualcosa di strano: la gente è allegra, ride, porta mazzi di fiori e palloncini. E io chiedo, seriamente: “Cosa sta succedendo?”. Mi dicono: “Ma come, è caduto dalla Luna? Gagarin! Gagarin ha volato nello spazio”".

Continua a leggere questo articolo: Gagarin secondo il collega Leonov

Gagarin non è morto

Per molto tempo la censura non ha permesso ai giornalisti di raccontare i problemi che ci furono a bordo della navicella “Vostok”. In realtà nel corso delle ore precedenti la partenza, gli ingegneri sovietici furono occupati a risolvere diversi problemi.

Per esempio, quando fecero entrare Gagarin dentro la capsula e chiusero il portello dietro di lui, venne fuori che non c'era il contatto radio e la cabina non si chiudeva ermeticamente. Era impossibile effettuare il lancio in tali condizioni. In fretta svitarono il portello, ma per fortuna il guasto si rivelò facilmente riparabile. 

Il mezzobusto di Gagarin allestito a Pordenone. Fonte: Ekaterina Soboleva

Il 27 marzo 1968, poi, fu messo in scena un incidente su un aereo d'addestramento, per liberarsi della persona più popolare del Paese, che aveva iniziato a permettersi di contraddire i membri del Politbjuro del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Gagarin era talmente amato dalla gente, che anche quando venne ufficialmente annunciata la sua morte, molti non ci credettero. Da qui le varie versioni “di salvataggio”, che trovavano conferma nel fatto che il corpo di Yurij Alekseevich non venne mai ritrovato.

Purtroppo, Gagarin rimase veramente ucciso durante un volo d'addestramento sopra ai boschi vicino a Kirzhach, nel marzo del 1968. Il suo MiG-15 si schiantò al suolo con una forza tale che i corpi di Gagarin e del suo istruttore Vladimir Seregin, vennero letteralmente disintegrati. Gagarin venne riconosciuto grazie ad alcuni frammenti dei suoi effetti personali.

Le cause della tragedia non sono ancora state ricostruite con sicurezza. Alcuni ritengono che l'aereo di Gagarin sia finito nella scia di un altro aereo di passaggio e sia quindi precipitato in avvitamento. Altri sono convinti che il MiG si sia scontrato in aria con un oggetto non meglio identificato, tipo una sonda meteorologica, che sfondò il vetro dell'apparecchio. Una terza versione indica un blocco del motore come causa dell'incidente.

Continua a leggere questo articolo: Yuri Gagarin, una leggenda di nome e di fatto