Quel villaggio chiamato “Futuro” rimasto fermo nel passato

Il pensionato Viktor Matveev raggiunge il villaggio vicino in slitta per comprare del pane. Per due settimane il servizio di “pasti a domicilio” è stato interrotto a causa delle nevicate eccezionali

Il pensionato Viktor Matveev raggiunge il villaggio vicino in slitta per comprare del pane. Per due settimane il servizio di “pasti a domicilio” è stato interrotto a causa delle nevicate eccezionali

Frank Herfort
A metà strada fra Mosca e San Pietroburgo ci si imbatte in Budushee (Futuro) una piccola comunità di 76 abitanti dove l’acqua viene ancora pescata dai pozzi e in inverno le provviste di cibo scarseggiano. L’ultimo bimbo è venuto al mondo più di due anni fa. Mentre l’ultimo matrimonio è stato celebrato dodici anni fa
Nato nella Repubblica Democratica Tedesca, il fotografo Frank Herfort fin da piccolo ha sempre nutrito un certo fascino nei confronti della Russia e del suo popolo. Per quattro anni ha attraversato in lungo e il largo il Paese, immortalando curiosi attimi della vita quotidiana di questa gente
Durante i suoi viaggi Herfort è capitato anche a Budushee (“futuro” in russo), un villaggio situato a metà strada tra Mosca e San Pietroburgo. Il tempo, qui, sembra essersi fermato
Quando il tempo migliora, il cibo viene portato nel villaggio di Budushee in auto
Elena è un paramedico del posto. Non ha conseguito la laurea ed è l’unica che offre assistenza sanitaria in tutto il villaggio. Sulla sua scrivania si trovano tre confezioni di medicine, delle bende e della carta. Qui tutto è in ordine, ma non vi sono attrezzature né strumenti. Mancano anche le flebo
Durante l’inverno gli abitanti del posto fanno dei buchi nel ghiaccio per lavare la propria biancheria
E l’acqua viene pescata dai pozzi
Il problema principale di questo luogo è che il tasso di mortalità sta superando quello della natalità
Negli anni Settanta qui vivevano circa trecento persone. Ora se ne contano solo 76
Così come avviene in molte altre città russe, l’alcolismo, l’arretratezza e la disoccupazione pesano in maniera considerevole sugli abitanti del posto
Sono trascorsi ben dodici anni dall’ultimo matrimonio celebrato in questo villaggio. L’ultimo bambino, invece, è nato due anni e mezzo fa
È chiaro che per questo piccolo e sperduto villaggio della Russia non ci sia alcun tipo di futuro... nonostante il suo nome, Budushee, continui a dare speranza agli abitanti del posto