Il Secolo d’Oro della letteratura russa rivive a Roma

I momenti di musica sono stati arricchiti anche dalla voce del cantante lirico italiano Marco Felice, che ha dilettato gli ospiti cantando una canzone classica del repertorio napoletano “Dicitancelle Vujie” con qualche strofa in russo//Gli organizzatori Yulia Bazarova e Nino Graziano Luca

I momenti di musica sono stati arricchiti anche dalla voce del cantante lirico italiano Marco Felice, che ha dilettato gli ospiti cantando una canzone classica del repertorio napoletano “Dicitancelle Vujie” con qualche strofa in russo//Gli organizzatori Yulia Bazarova e Nino Graziano Luca

Ufficio stampa
Per una notte, un angolo della capitale italiana ha fatto un tuffo indietro nel tempo, nell’Ottocento russo, portando in scena l’opera “Un ballo in Maschera” di Mikhail Lermontov. Tutte le foto della kermesse del Gran Ballo Russo