Cento sfumature di bianco sui monti Altaj

Imponenti e incontaminati. Suggestivi ed emozionanti. Viaggio sulle vette della catena montuosa che attraversa Russia, Cina, Mongolia e Kazakhstan

I monti Altaj formano la più alta catena montuosa della Siberia meridionale. Sono separati da un profondo fiume e da ampie vallate. Questa catena montuosa arriva fino in Asia Centrale, attraversando quattro confini: quello russo, mongolo, cinese e kazako // I monti Altaj e la valle del fiume Aktru

La catena montuosa dell’Altaj (a oltre tremila chilometri da Mosca), insieme al lago Bajkal, è uno dei luoghi russi più visitati dai turisti // Santuario naturale “Stolby”, Krasnoyarsk
Questo luogo normalmente non è molto affollato e in inverno i sentieri sono difficili da raggiungere // I monti Altaj e la valle del fiume Aktru
Qui regna la natura più incontaminata. In questa foto, i dintorni della città di Krasnoyarsk
Una cappella segna il luogo dove morì Aleksandr Lebed, governatore della regione di Krasnoyarsk, nel 2002, insieme ad alcuni suoi compagni di viaggio: il loro elicottero precipitò in queste zone a causa della scarsa visibilità
I monti Altaj sono considerati uno dei grandi polmoni del pianeta, nonché uno dei luoghi più puri e incontaminati della Terra // Il parco nazionale Ergaki
La natura di questa terra è rimasta pressoché intatta grazie alle distanze che scoraggiano l’arrivo di molti visitatori // Krasnoyarsk, l’isola Tatyuschev
I laghi e i boschi di questa zona offrono un panorama mozzafiato per chi si spinge fino a qui // Il fiume Enisej vicino a Krasnoyarsk
Qui è inoltre possibile praticare rafting, hiking, mountain climbing e dormire nelle tradizionali tende // Il fiume Enisej vicino a Krasnoyarsk

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie