Quella tenuta cara a Mikhalkov, che oggi rischia l’abbandono