Biennale di Mosca: il fantastico mondo di Petr Lovygin