Il Bajkal, tra potenza e poesia