Un Robinson Crusoe dei giorni nostri