Terremoto in Italia, Zakharova: "Nessun russo tra le vittime"

Case distrutte ad Amatrice (Rieti), uno dei comuni più colpiti dal terremoto

Case distrutte ad Amatrice (Rieti), uno dei comuni più colpiti dal terremoto

: AP
Il cordoglio del portavoce del Ministero russo degli Esteri. "Scioccati dalla notizia del sisma. Al momento non risultano cittadini russi tra le vittime ma continueremo a monitorare"

Mentre in Italia la terra continua a tremare e si scava senza sosta tra le macerie, Mosca annuncia che per il momento non risultano russi tra le vittime del terremoto. La notizia è stata data dal portavoce del Ministero russo degli Esteri Maria Zakharova. “Secondo i dati in nostro possesso – ha detto -, tra le vittime del terremoto non ci sono cittadini russi”. Così come ha fatto ieri il Presidente Putin, anche la portavoce degli Esteri ha espresso il proprio cordoglio. “Siamo scioccati dalla notizia del terremoto – ha affermato Zakharova -. È stato detto che la Russia è pronta a offrire tutto l’aiuto necessario per affrontare le conseguenze di questo disastro. E il Ministero degli Esteri è pronto a fornire assistenza tempestiva. In queste ore difficili per l’Italia esprimiamo le nostre condoglianze alle famiglie delle vittime e auguriamo una pronta guarigione ai feriti”.

Zakharova ha comunque precisato che le informazioni in arrivo dall’Italia verranno costantemente verificate per essere certi che non risultino, nelle prossime ore, cittadini russi tra le vittime. Secondo Rosturism, l’agenzia federale russa per il turismo, al momento della scossa nelle zone colpite dal sisma non ci sarebbero stati gruppi organizzati di turisti della Federazione, ma non si esclude la presenza di visitatori autonomi.

Al momento sono saliti a 241 i morti del terribile terremoto di magnitudo 6,0 che nella notte tra martedì e mercoledì ha sbriciolato interi paesi del Centro Italia. Un bilancio purtroppo ancora provvisorio. Oltre duecento invece le persone estratte vive. E mentre la terra continua a tremare (si sono registrate 460 nuove scosse) si scava senza sosta, si cerca di trovare una sistemazione a chi ha perso tutto e a mettere in sicurezza gli edifici pericolanti.

Ieri, con un telegramma inviato al capo del Dipartimento Protezione Civile Fabrizio Curcio, il ministro russo per le Situazioni di Emergenza Vladimir Puchkov aveva proposto il sostegno della Russia. “Vorrei offrire l’aiuto concreto del Ministero russo delle Situazioni di Emergenza per far fronte ai danni del disastro”, si legge nel telegramma. Una squadra di soccorritori, aveva sottolinearo Puchkov, è già pronta a partire alla volta delle regioni più colpite.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta