Greenpeace, Cristian liberato su cauzione

L'ambientalista italiano Cristian D'Alessandro (Foto: AP)

L'ambientalista italiano Cristian D'Alessandro (Foto: AP)

L'unico italiano della Arctic Sunrise potrà lasciare presto il carcere insieme ad altri sei attivisti

Cristian D’Alessandro sarà rilasciato su cauzione. Per lui, resta l’accusa di vandalismo. È arrivata tramite Twitter la notizia che tutti, in Italia, stavano aspettando: l’unico attivista italiano di Greenpeace, arrestato insieme all’equipaggio della Arctic Sunrise, sarà presto libero.

La decisione è stata presa dalla corte Kalininskij di San Pietroburgo, dove il 19 novembre 2013 si è tenuta l’udienza per decidere la scarcerazione.

I pirati di Greenpeace
come il Mahatma?

Sotto il tweet, lanciato dall’associazione ambientalista e ripreso dall’agenzia russa Interfax, la foto di Cristian, seduto dietro le sbarre a mani incrociate. L’incubo, per lui, si chiude qui. Insieme all’italiano, altri sei attivisti potranno lasciare presto il carcere. Si tratta della brasiliana Ana Paula Alminhana Maciel, del neozelandese David John Haussmann, dell'argentino Miguel Hernan Perez Orsi e dei russi Ekaterina Zaspa, Denis Sinyakov e Andrei Allakhverdov. Gli attivisti saranno liberati dopo il pagamento di una cauzione di 45mila euro, che dovrà essere fatto entro il 29 novembre 2013.

Rimbalzata su tutti i giornali, la notizia è stata commentata così dal padre di Cristian, Aristide D’Alessandro: “Datemi il tempo di riprendermi. Sono euforico”.

La scarcerazione è arrivata dopo due mesi di appelli, proteste e raccolte firme, che hanno coinvolto anche diversi personaggi del mondo dello spettacolo. Fra questi, anche Paul McCartney, che si era rivolto direttamente al Presidente russo Vladimir Putin, chiedendo che i trenta ragazzi potessero “tornare dalle loro famiglie in tempo per il Natale".

L’italiano, insieme agli ambientalisti della rompighiaccio Arctic Sunrise, era finito in manette dopo l’assalto alla piattaforma petrolifera di Gazprom, nell’ambito di una protesta contro le trivellazioni nel Mare di Barents.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta