Prove di disgelo tra le due Chiese

Il metropolita Hilarion con il cardinale Poupard (Fonte: Ufficio Stampa)

Il metropolita Hilarion con il cardinale Poupard (Fonte: Ufficio Stampa)

L'incontro tra il Papa Francesco e il Patriarca russo Kirill diventa sempre più probabile. Bari, Vienna o l'Ungheria la sede possibile. Ancora lontano il viaggio di Bergoglio in Russia

I tempi potrebbero essere maturi. Papa Francesco e il Patriarca Kirill. Le due Chiese che finalmente s'incontrano. A confermare il nuovo clima di distensione, seppur senza certezze assolute e con tutti i condizionali del caso, è il Metropolita Hilarion, Presidente del Dipartimento per le Relazioni Esterne del Patriarcato di Mosca. L'occasione è la presentazione del libro del filosofo russo al Centro russo di Scienza e Cultura di Roma.

I fedeli russi di casa a Perugia

Durante il discorso di presentazione del libro, Hilarion ha ricordato come già Averintsev avesse intuito la necessità di ricucire la frattura tra le due Chiese, e ha scelto di concludere il suo discorso con due citazioni di Papa Francesco. La prima riguarda l’omaggio del Pontefice all’anima russa e alle Chiese Ortodosse, e in particolare alla bellezza della liturgia, e la seconda, ricorda il passaggio di un’intervista di Bergoglio nella quale confidava di voler imparare proprio dagli ortodossi il senso della tradizione della sinodalità e della collegialità episcopale.

Proprio la visita tra il Presidente del Dipartimento per le Relazioni Esterne del Patriarcato di Mosca e il Pontefice e quella prevista il 25 novembre 2013 tra il Papa e il Presidente Vladimir Putin, ha fatto riemergere la questione dell’incontro tra il Vaticano e il Patriarcato. Hilarion non ha escluso l’incontro tra il Papa e il Patriarca, chiarendo che potrebbe avvenire in una città neutrale, come Bari, dove c’è una Chiesa ortodossa russa, Vienna o l’abbazia di Pannonhalma, in Ungheria.


Più lontano appare, invece il viaggio del Papa in Russia, ma i segnali di un colloquio all’insegna dell’ecumenismo ci sono tutti; merito senz’altro dell’apertura di Papa Francesco ma anche di quella del Patriarca Kirill che proprio in questi giorni ha ricevuto l’arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, al quale ha espresso l’auspicio della fine dei dissapori storici tra le due Chiese. Il Centro di Scienza e Cultura Russo è stato dunque testimone di due importanti avvenimenti: la presentazione del libro di Averintsev e la conferma di un incontro tra il Papa e il Patriarca, all’insegna del dialogo ecumenico.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta