Con il secondo mandato di Obama un nuovo round del "reset"

Gli ospiti invitati dall'ambasciata americana a Mosca per seguire il giuramento del presidente Barack Obama in diretta tv (Foto: Russia Oggi)

Gli ospiti invitati dall'ambasciata americana a Mosca per seguire il giuramento del presidente Barack Obama in diretta tv (Foto: Russia Oggi)

Dopo il giuramento del presidente americano, esperti russi esprimono le proprie opinioni sui potenziali sviluppi delle relazioni bilaterali tra la Federazione e gli Usa

Quando Barack Obama ha prestato il giuramento presidenziale sui gradini del Campidoglio degli Stati Uniti per la seconda volta, un gruppo di americani e russi si è riunito intorno a una grande TV presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Mosca.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, Michael McFaul, ha guardato la cerimonia in diretta. Gli ospiti dell'ambasciatore includevano giornalisti russi, politici, attivisti dell'opposizione e scienziati, nonché docenti universitari, borsisti di programmi di scambio e registi. Dopo la cerimonia di giuramento, l'ambasciatore McFaul ha preso la parola e ha invitato gli ospiti a unirsi a lui nel celebrare l'inizio del secondo mandato del presidente Obama.

Per gli esperti russi, il secondo mandato del presidente degli Stati Uniti significa un secondo round  nel “reset(la nuova strategia statunitense annunciata da Obama stesso, che intende resettare le relazioni tra Usa-Russia, ndr) dei rapporti tra gli Stati Uniti e la Russia. Nonostante le differenze di crescita tra i due Paesi, gli esperti russi non escludono un miglioramento delle relazioni bilaterali, in particolare in settori come l'istruzione e il business.

Questi settori offrono maggiori opportunità per gli Stati Uniti e la Russia di trovarsi d’accordo, a differenza della politica interna e internazionale, in cui i funzionari di entrambi gli schieramenti continuano a discutere su questioni come la difesa missilistica, i diritti umani e la situazione in Siria.


Foto: Russia Oggi
L'ambasciatore Usa in Russia, Michael McFaul, fa gli onori di casa agli ospiti invitati per assistere in diretta Tv al secondo giuramento di Obama (Foto: Russia Oggi)

Istruzione e scienza ai margini
“Due sono i fattori principali che possono ostacolare le relazioni tra Usa e Russia -, ha affermato Alexei Arbatov, un esperto del Carnegie Moscow Center. - In primo luogo, la Russia non è vista come una priorità nella politica estera americana. Gli Stati Uniti sono concentrati su Afghanistan, Iran, Iraq, Siria e, in generale, sul mondo arabo. Allo stesso tempo, è possibile notare un cambiamento nella politica estera degli Stati Uniti verso la regione Asia-Pacifico. La Russia non gioca un ruolo significativo”.

Il secondo fattore che può causare un ulteriore deterioramento nelle relazioni russo-americane è la politica interna della Russia. Arbatov fa eco all'opinione di molti esperti secondo cui le azioni intraprese dal Presidente russo Vladimir Putin, tra cui una serie di leggi adottate nel 2012 che limitano l'attivismo politico, indicano un giro di vite nel Paese. “Egli [Putin] ha imboccato la strada del consolidamento del potere nelle proprie mani e della limitazione delle libertà democratiche all'interno del Paese”, ha sottolineato Arbatov.

Questi cambiamenti hanno portato alle critiche dei funzionari americani che non sono state accolte con favore da Mosca. “L'atteggiamento dell'Occidente è molto importante per la Russia -, ha detto Arbatov. - Ciò che è più importante per un russo è se viene trattato con rispetto all'estero o meno. Il Cremlino non vuole sviluppare le relazioni con gli Stati Uniti in termini di critiche crescenti provenienti dall’Occidente verso la politica interna della Russia”, ha aggiunto Arbatov.

Tuttavia, Arbatov ha suggerito alcuni settori di politica estera che potrebbero diventare la base per migliorare le relazioni bilaterali. “Il Trattato di non proliferazione è un campo in cui la Russia è considerata come un partner essenziale -, ha ricordato Arbatov. - Tuttavia, è poco probabile che vedremo dei progressi in questo caso, data la complessa situazione su questo tema. La Russia non farà alcuna concessione e gli Stati Uniti sono più propensi a rinunciare [alla ricerca di una posizione comune in questa questione] e ad affrontare altri problemi”.

Arbatov ha ammesso che l'ambiente, l'istruzione, la scienza, gli scambi culturali e di business sono molto importanti per il futuro delle relazioni Usa-Russia, ma ha sottolineato che la cooperazione in questi settori è futile senza una stretta collaborazione e una reciproca comprensione politica. “Questi programmi non cambiano la situazione generale -, ha detto Arbatov. - La collaborazione in materia di istruzione, scientifica e ambientale è ai margini delle relazioni Usa-Russia. Ecco perché le nostre differenze politiche e la mancanza di legami economici non possono essere risolti solo con una partnership in materia di istruzione e culturale”.

Riponendo le speranze nel cambio
Al contrario, Maxksim Kisilev, capo del Dipartimento Sviluppo del Technopark di Skolkovo, ha spiegato che ci sono alcuni segnali positivi del miglioramento delle relazioni Usa-Russia “almeno in due campi”. Secondo Kisilev, la collaborazione scientifica e tecnica rimarrà tra le priorità principali della cooperazione Usa-Russia e la politica interna della Russia e le controverse leggi difficilmente incideranno in maniera seria sulla partnership bilaterale in questi campi.

“Sia la Russia che gli Stati Uniti sono seriamente interessati ai problemi dell’innovazione e della transizione verso un’economia intellettuale -, ha affermato Kisilev. - Non credo che la cosiddetta legge Dima Yakovlev ostacolerà la nostra collaborazione in materia di innovazione. Nel peggiore dei casi, porterà indignazione, ma senza pregiudicare i nostri progetti comuni”.

Kisilev ha aggiunto: “La collaborazione tra il Massachusetts Institute of Technology e la Skoltech è un buon esempio di partnership intellettuale in grado di affrontare le sfide sull’innovazione più importanti”. Skolkovo e le sue controparti americane hanno intensificato gli sforzi per lo sviluppo di cluster spaziali, progetti di biomedica e di information technology.

“C'è grande interesse da parte degli Stati Uniti verso i progetti innovativi e le start up tecnologiche russe. Negli Stati Uniti ci sono un sacco di fondi, ma il problema è trovare nuove idee che siano capaci di decollare -, ha concluso Kislev. - E adesso c'è una rivalità soft fra Stati Uniti e Russia per le idee. È per questo che il versante americano crea maggiori opportunità per le start up russe”.

Le relazioni bilaterali dipendono dal “soft power” della Russia
Edward Lozansky, presidente dell'Università americana di Mosca, ha detto che ci sono tre segnali positivi per le relazioni tra Usa e Russia con l'inizio del secondo mandato di Obama. Il primo è la promessa di Obama durante la campagna elettorale che, in caso di rielezione, avrebbe cercato dei compromessi con la Russia. In secondo luogo, John Kerry, il candidato a essere il prossimo segretario di Stato americano, è “più ragionevole” del suo predecessore. E, in terzo luogo, il candidato a capo del Pentagono, Chuck Hagel, è meno incline ai rischi geopolitici.

Secondo Lozansky, il sistema americano di difesa antimissile in Europa è uno degli aspetti più importanti della collaborazione strategica tra Usa e Russia. “In questo caso, la Russia potrebbe essere più flessibile e usare il suo soft power per convincere o spiegare agli Stati Uniti di quali vantaggi potrebbero beneficiare dalla creazione di un sistema congiunto di difesa antimissile, un'idea che era stata in precedenza proposta dall’allora Ppresidente Dmitri Medvedev”.

Lozansky sostiene che la Russia dovrebbe rafforzare le sue capacità di soft power per essere più convincente nei confronti degli Stati Uniti sulle questioni geopolitiche e militari. “Anche se ci sono alcuni tentativi di colmare il divario in questo campo, la Russia non è riuscita a utilizzare il suo soft power”, ha concluso Lozansky.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta