Questo videogioco russo vi proietterà in una deprimente cittadina sovietica degli anni ’80

Vladimir Cholokyan
Non accade nulla di particolare. Ma le atmosfere sono incredibilmente realistiche. Così come è reale la storia che viene raccontata, fra capsule radioattive e morti misteriose

Mentre Tamara esce dall'ascensore all'ottavo piano e si dirige verso la porta del suo appartamento, urta il coperchio di una bara. Si trova accanto alla porta d’ingresso dei suoi vicini. A quanto pare, quel vecchio ubriacone è morto all’improvviso. “Ecco, ha vissuto e ora non c'è più”, dice Tamara, con disperazione. Da lì a poco, altre persone sarebbero morte in quello stesso condominio e per le stesse cause. E la colpa non è né della vecchiaia, né dell’alcolismo. Tra poco vi spiegheremo perché. Nel frattempo, parliamo del gioco.

“Bright Lights of Svetlov” è un gioco d'avventura creato e sviluppato da Vladimir Cholokyan, e si concentra sui pesanti eventi che hanno dilaniato la vita di diverse famiglie nella città sovietica di Kramatorsk (oggi nella regione di Donetsk, in Ucraina) durante gli anni '80. L'"incidente radiologico di Kramatorsk" mise fine alla vita di diverse persone, ma la parte più terribile della storia fu che i loro parenti rimasero all’oscuro del reale motivo per moltissimi anni. 

Ed è proprio di questo che parla questo affascinante gioco, immerso nelle ipnotizzanti atmosfere delle città industriali sovietiche degli anni ‘80. A proposito, questo videogioco è una simulazione impressionante della vita quotidiana di un comune cittadino sovietico.

“Bright Lights of Svetlov” è stato progettato e sviluppato da Vladimir Cholokyan, un designer e scrittore nato a Penza; se ne deduce che l’autore del videogame sia cresciuto in quegli stessi ambienti ricreati nel gioco.  

Tra gli obiettivi del gioco ci sono dei compiti abbastanza semplici, come spazzare il pavimento, cucinare o fumare su un balcone affacciato su un cortile interno con molta vegetazione. Ma la parte più inquietante è il suono.

Da russo, posso assicurarvi in tutta onestà che il gioco emula quasi alla perfezione l'atmosfera sonora di una remota città sovietica: camminando nel monolocale illuminato dalla luce del sole si sentono le interferenze della radio che provengono dalla cucina; si percepisce il ronzio del frigorifero, gli uccelli che cinguettano e i bambini che giocano in giardino. Anche il rumore dei passi differisce a seconda del personaggio, e ce ne sono diversi.

Anatolij, ingegnere; Tamara, sua moglie; Nadya, la loro figlia. Ma c'è di più. L'azione si svolge in due appartamenti, in un seminterrato e in strada. Tutti i disegni sono stati curati nei minimi dettagli e chi ha vissuto in URSS riconoscerà molti oggetti familiari.

Verso la metà della partita (il gameplay totale è di circa 1,5-2 ore) ci si annoia un po’: il “mondo” di questo videogame è piuttosto limitato. 

Ma è proprio questo che lo rende così realistico: nelle città sovietiche degli anni ‘80, infatti, la vita era abbastanza noiosa, spesso limitata agli stessi luoghi e alle medesime forme di intrattenimento. Quindi l'obiettivo principale del gioco è quello di identificare la causa principale del proprio malessere, presente in ogni personaggio che interpreti.

[SPOILER ALERT]

Mi dispiace, questo gioco non finisce bene e in realtà lo si capisce quando vedi con i tuoi occhi (anche se emulato in un videogioco) quanto inutili fossero molte delle azioni compiute dalla gente comune sovietica contro il sistema. Ma credo che questa sia la caratteristica principale di “Bright Lights of Svetlov”: far capire al giocatore come si sentiva la gente negli ultimi anni dell'URSS, travolta da una inevitabile spirale discendente.

La storia

L'"incidente radiologico di Kramatorsk" è stato un incidente avvenuto negli anni ‘80: una piccola capsula contenente Cesio-137 altamente radioattivo uccise sei persone.

La capsula originariamente faceva parte di un misuratore del livello di radiazioni ma venne persa in una cava alla fine degli anni '70. Più tardi, la ghiaia della cava fu usata come materiale da costruzione e la capsula finì sfortunatamente nel muro di cemento di un condominio in via Gvardeytsev-Kantemirovtsev, 7, a Kramatorsk. 

Sei persone di tre appartamenti esposti alle radiazioni gamma morirono nei nove anni successivi, prima che la capsula venisse scoperta nel 1989. In totale, 17 persone sono state riconosciute come vittime dell'esposizione ai raggi gamma.

LEGGI ANCHE: Ecco il videogioco-simulatore che vi fa esplorare un villaggio abbandonato della provincia russa 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie