In Jakuzia è stata costruita una copia esatta della navicella spaziale di “The Mandalorian”

Just Create da Jakuzia
Quando c’è la passione c’è tutto, e un gruppo di cosplayer russi è arrivato a vendere le automobili e a consegnare i cellulari al banco dei pegni pur di realizzare questo sogno. E ora l’astronave fa bella mostra di sé in un parco di Jakutsk

Un cosplayer e blogger ventottenne di Jakutsk, Ajaal Fedorov, ha venduto la sua automobile per costruire una riproduzione della navicella spaziale della sua serie tv preferita, “The Mandalorian”, dell’universo “Star Wars”. Insieme al suo team di amici, ha poi installato la copia della navicella “Razor Crest” nel nel Parco Urdel di Jakutsk.

LEGGI ANCHE: Cosa fare a Jakutsk e in Jakuzia se arrivate qui nel bel mezzo dell’inverno 

Il mock-up della navicella è lungo 14 metri, largo 10, alto 4 e pesa più di una tonnellata, ha spiegato Ajall. All’interno, i cosplayer hanno costruito una cabina di pilotaggio, oltre a installare motori e luci. Per rivestire la navicella, il team ha utilizzato 50 pannelli di fibra di legno, mentre il telaio è stato costruito con travi di legno e barre di ferro.

Ajall disegna fin dall’infanzia, e crescendo ha iniziato ad appassionarsi sempre di più al cosplay: uno dei suoi progetti passati è stata la fan-version del teaser di “The Avengers”, nel 2019.

“Quando ho visto la prima stagione di ‘The Mandalorian’ [la distribuzione della versione originale è iniziata il 12 novembre 2019, ndr], sono rimasto davvero colpito da questa storia e ho deciso immediatamente che un giorno avrei costruito la navicella. La pandemia di Covid-19 e la mancanza di denaro hanno rallentato le cose, ma a novembre 2020 ho deciso di vendere la macchina per far cassa e ho iniziato a fare i primi schizzi; sono venuti degli amici, mi hanno chiesto cosa stessi facendo e subito si sono uniti al progetto”, ha detto Fedorov.

Il team di cosplayer ha affittato un hangar, ha acquistato tutto il materiale necessario e all’inizio di dicembre 2020 ha iniziato a costruire la “Razor Crest”.

“Inizialmente, volevamo realizzare la copertura della navicella con il cartone, e per tre giorni siamo andati in giro per discariche, raccogliendo scatoloni, ma si è rivelato essere un materiale molto fragile, quindi siamo passati ai pannelli di fibra di legno”, spiega Fedorov.

Racconta che durante la fase di costruzione, le temperature a Jakutsk sono precipitate a -60 ºC e il riscaldamento dove lavoravano ha smesso di funzionare, così i ragazzi hanno dovuto noleggiare dei cannoni generatori d’aria calda.

Non avevano comunque abbastanza soldi per la costruzione, quindi i cosplayer hanno consegnato i loro telefoni al banco dei pegni, preso in prestito denaro dagli amici e chiesto aiuto finanziario ai follower sui social network. I cosplayer sono stati aiutati anche da uomini d’affari locali, che hanno dato i soldi per pagare l’affitto dell’hangar.

“Inizialmente, non sapevamo dove mettere la navicella, ma l’amministrazione del Parco Urdel ci ha contattato e si è offerta di collocarla sul suo territorio. All’inizio, pensavano che il “Razor Crest” potesse essere sollevato da trenta persone, ma no. Avevamo sbagliato di grosso. È stato necessario dividere la navicella in parti e riassemblarla sul posto con l’aiuto di argani”, ha raccontato Fedorov riguardo all’installazione.

Nel prossimo futuro la squadra ha intenzione di iniziare a filmare “fan scene” basate su “The Mandalorian”, e ora Ajall e i suoi amici stanno creando i costumi.


L’arte di trasformarsi: ecco chi sono le bellissime regine russe del cosplay 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie