Perché in Russia si crede che la piantaggine sia una pianta miracolosa?

Legion Media
Era uno dei metodi più diffusi per curare le ferite in epoca sovietica. Oggi questa pianta, chiamata “podorozhnik”, è protagonista di meme e battute

Chi è nato e cresciuto in Unione Sovietica, condividerà con i propri coetanei uno stesso ricordo: quello del plantago applicato su una ferita. Quante volte è capitato di correre, cadere e sbucciarsi le ginocchia? La soluzione di tutte le nonne sovietiche era semplice: applicare una foglia di piantaggine (o plantago) sulla pelle lesionata. 

Le indicazioni che venivano date ai bambini erano precise: se ti fai male, prendi una foglia di plantago (bella polverosa, ovviamente), sputaci sopra (wow, problema risolto!) e sistemala sopra la ferita. Come per magia, in 10 minuti il sangue smette di scorrere e anche il male sparirà. Che sorpresa!  

Questa pianta “miracolosa” in russo si chiama “podorozhnik”: un termine che indica qualcosa che cresce sul ciglio della strada (“doroga”, in russo, significa strada); insomma, una soluzione a portata di mano ovunque ci si trovasse.

Che tipo di pianta è?

La piantaggine (o plantago) è un'erba selvatica perenne a foglie larghe, con oltre 240 varietà (di cui solo 40 crescono in Russia e nel territorio dell'ex Unione Sovietica). 

Secondo il Grande Dizionario Enciclopedico, la piantaggine spunta lungo le strade, nei luoghi erbosi, ma anche nelle zone desertiche, nelle steppe, nei prati e sulla sabbia. 

Perché si usava per curare le ferite?

La Grande Enciclopedia Sovietica affermava che alcuni tipi di piantaggine hanno proprietà medicinali, contengono carotene, vitamina C e fitoncidi. “Si possono ricavare infusi e succhi, utili per migliorare la digestione e curare la gastrite”.

In Russia si ritiene che le foglie giovani di alcune varietà di piantaggine possano essere mangiate: basta aggiungerle all’insalata o alla zuppa, un po’ come si fa con l’ortica o l’acetosella

Viene usata ancora oggi?

Nella Russia moderna si può acquistare il tè alla piantaggine, che, secondo le istruzioni riportate sulle confezioni, è consigliato a chi ha problemi di digestione e disturbi intestinali; l’infuso può essere bevuto, ma anche applicato sulla pelle, poiché la piantaggine funziona come antisettico e blocca le emorragie.

Alcuni siti specializzati nella vendita di integratori alimentari consigliano anche i semi di piantaggine, che dovrebbero essere sciolti in acqua e bevuti: a quanto pare, sarebbero ricchi di fibre e capaci di migliorare la digestione. 

Perché allora i russi al giorno d’oggi prendono in giro questo metodo di cura?

In URSS non vi era una grande varietà di medicinali a disposizione; per questo ci si affidava spesso a tecniche alternative, tramandate di generazione in generazione. 

Negli anni Novanta è addirittura apparsa una canzone, diventata poi piuttosto famosa, dal titolo "Erba di piantaggine", dedicata alla magica pianta curatrice. 

Al giorno d'oggi, la piantaggine è spesso protagonista di meme e battute spiritose: ad esempio, c’è chi consiglia di applicarla sulle ammaccature delle auto! 

O all'errore 502 del proprio browser:

E c’è anche chi suggerisce di prestare il primo soccorso a una persona che si sente male ricoprendole il corpo con foglie di piantaggine:

Per inciso, la carta di viaggio utilizzata sui mezzi di trasporto pubblico di San Pietroburgo si chiama “Podorozhnik”, non è un caso quindi che abbia questo aspetto:



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie