Perché tanti russi continuano ad amare follemente la Lada?

Evgenij Odinokov/Sputnik
Il collasso dell’Unione Sovietica, con l’arrivo massiccio delle auto straniere sul mercato, sembrava poter mettere una pietra tombale sulle macchine costruite negli stabilimenti di Togliatti. E invece in Russia ci sono un sacco di persone che continuano ad adorarle

La prima Lada uscì dalla catene di montaggio nel 1970, a Togliatti, città industriale sul Volga che aveva assunto quel nome due anni prima, in onore del segretario generale del Partito comunista italiano, morto a Jalta nel 1964. Gli ingegneri sovietici collaborarono con la casa automobilistica italiana Fiat per creare la famosa Lada “2101”, basata sulla Fiat 124, con alcune modifiche tecniche per meglio adattarsi al clima e alle strade sovietiche. L’auto, conosciuta anche come Zhigulì (dal nome delle colline di fronte a Togliatti) fu un grande successo sia in Unione Sovietica che sul mercato internazionale, e molti altri modelli seguirono, fino alla “2107”, prodotta fino al 2014.

Quando l’Unione Sovietica crollò nel 1991, la Russia si aprì al mercato automobilistico internazionale e i russi iniziarono a poter scegliere tra una grande varietà di marchi stranieri. Tuttavia, in molti russi, le vecchie auto arrugginite prodotte nell’Unione Sovietica e anche i modelli più recenti della stessa marca, la Lada, o AvtoVAZ, suscitavano sentimenti contrastanti: alcuni pensavano che fossero un sinonimo della qualità scadente della produzione industriale dell’Urss, mentre altri credevano che queste fossero le migliori auto al mondo. Ma insomma, cosa c’è dietro l’ossessione dei russi per questo famoso marchio automobilistico sovietico?

Chi ama la Lada?

Il marchio automobilistico sovietico (ora “russo”) è un tema perpetuo dei meme su Internet e i russi spesso chiamano sprezzantemente queste auto “secchielli arrugginiti”. Tuttavia, la Lada vende più auto nuove in Russia di qualsiasi marchio straniero presente nel Paese.

Uno stereotipo diffuso afferma che le Lada siano particolarmente amate dagli abitanti delle repubbliche caucasiche, come la Cecenia, l’Inguscezia, il Daghestan e in generale da quelli dei Circondari federali “meridionale” e del “Caucaso settentrionale”.

A essere onesti, c’è molta verità in questo. Chiunque sia stato nel Sud della Russia e nel Caucaso sa che le Lada rielaborate sono lo spettacolo più frequente in quella parte del Paese. In particolare, la Lada Priora nera è diventata il simbolo non ufficiale della regione.

Amirkhan Kurbanov, fornisce una spiegazione esaustiva: “Da noi in Daghestan, le persone hanno un approccio specifico a ogni acquisto: se spendi una certa quantità di denaro, devi acquistare il miglior prodotto per quel prezzo. Una nuova Lada Priora costa come una Hyundai Accent o qualsiasi altra macchina di quel segmento, se non meno. Ma guidare una Hyundai dice a tutti che guidi un’auto di fabbricazione straniera, ma una veramente di merda, e questo non è bello. Guidare una Priora, d’altra parte, dice a tutti che non sei ancora pronto a pagare un sacco di soldi per una macchina, ma che hai comunque ottenuto il meglio per i soldi che hai, e ora guidi una macchina meravigliosa.”

Altri modelli sono adatti ai conducenti di altre parti del Paese. La nuova Lada Vesta è un’auto comune a Mosca; dove però, i più giovani adorano andare a fare drifting sui vecchi modelli sovietici. La Lada Niva 4x4 rimane invece popolare tra i cacciatori e i pescatori che risiedono nelle regioni più remote del Paese.

Quindi sarebbe riduttivo dire che i russi amano la Lada; si scopre che molti la adorano. E anche il presidente Putin ne possiede una (del 1970).

LEGGI ANCHE: Che mezzi di trasporto (di cielo, di terra e di mare) ha Putin? 

Elegante, economica e facile da riparare

Il prezzo è uno dei fattori chiave per il quale molti russi scelgono il marchio nazionale. Una nuova Lada Granta costa meno di 5.000 euro, niente in confronto al prezzo di qualsiasi marca straniera. Le auto usate, ovviamente, sono molto più economiche e possono costare anche solo alcune centinaia di euro: per questo sono spesso molto amate dai giovani neopatentati.

“Avevo una Playstation, che ho venduto per 30.000 rubli (meno di 400 euro). Mio padre ha suggerito di comprarci una macchina per andarci a driftare in inverno sul ghiaccio”, dice Sergej, che ha comprato la sua prima Lada con suo padre quando aveva solo 13 anni.

Inoltre, molti giovani russi apprezzano lo stile rétro di queste auto che sembrano abbastanza sbalorditive, se adeguatamente personalizzate.

Un altro vantaggio che le Lada hanno, rispetto alle auto di fabbricazione straniera, è che sono facili da riparare. Molti proprietari russi di auto più costose prodotte all’estero devono affrontare lunghi periodi di attesa per l’arrivo dei pezzi di ricambio.

Per la Lada è il contrario. I pezzi di ricambio abbondano in ogni negozio di autoricambio in giro per il Paese. Non è necessario attendere nemmeno un giorno, e la maggior parte dei pezzi sono estremamente economici. Ciò che è ancora più importante è che queste auto non richiedono molte conoscenze tecniche per risolvere la maggior parte dei problemi, e quasi tutti gli automobilisti russi sanno farlo con le proprie mani.

“Con il passare del tempo, alcuni modelli hanno iniziato a diventare obsoleti, la loro qualità è peggiorata e sono diventati famigerati per la facilità a guastarsi. Ma in cambio, si possono acquistare pezzi di ricambio a basso costo e riparare tutto da soli. Anche i pezzi di ricambio sono spesso difettosi? Sì, ma è possibile acquistare un pezzo di ricambio per un pezzo di ricambio”, afferma Protas Bardakhanov.

Julia, moscovita, aveva una Lada bianca “2105” quando era studentessa. Ha detto che l’auto le ha regalato un’esperienza di guida inestimabile. “Era molto economica da riparare. Non guadagnavo niente allora, ma non avevo problemi a mantenere una simile auto. Questa macchina mi ha insegnato a usare bene il cambio manuale: un’Audi penso che sarebbe morta presto con una guida come la mia, ma queste macchine perdonano gli errori dei principianti.”

Non solo in Russia

La Lada vendette anche parecchie automobili all’estero durante il periodo sovietico e continua a farlo anche oggi. Molte persone che vivono in Europa, Africa e America Latina hanno dei bei ricordi legati a queste auto, perché i loro genitori le possedevano.

“Mio padre aveva una Lada Niva. Era un’auto che mi piaceva da ragazzo. Era resistente e se la cavava alla grande su strade terribili”, afferma Mohamed Lamin Sesay di Freetown, Sierra Leone.

LEGGI ANCHE: Le auto russe e sovietiche all’estero? Migliorate e con nomi cambiati 

Musa Tamba, che viene dal Gambia, ha detto che era solito chiamare la Lada “l’auto dell’Africa”. “I modelli Lada più diffusi in Gambia erano erano la 2104, la 2105 COMBI e la NIVA 4×4. Le chiamavamo ‘le auto per tutti i terreni’, per le loro eccellenti prestazioni. Il motore è fantastico e la carrozzeria sembra un’armatura”, afferma Musa, entusiasta.

Un insolito modello di limousine personalizzata della Lada 2101 è un popolare veicolo per taxi a Cuba e la Lada Niva è ben nota in Francia.


Per la gioventù russa le vecchie Zhigulì sono diventate auto di culto 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie