Perché i russi sono così spaventati dal parlare di sesso?

Legion Media
Se le ragazze russe sembrano essere più aperte e affrontare tra loro temi come l’orgasmo, le posizioni a letto, i sex toys, nelle compagnie di maschi la cosa rimane un tabù che imbarazza

“I russi non parlano di sesso, ma quando le luci si spengono, a letto fanno pazzie.” Così mi disse un mio amico durante una lunga passeggiata in un uggioso pomeriggio di San Pietroburgo.

Molti mesi dopo, quell’idea mi era rimasta piantata in testa. Non avevo avuto molte conversazioni con i russi sul sesso e avevo l’impressione che ciò che quell’uomo mi aveva detto detto fosse vero. Quindi, ho chiesto a una delle mie amiche, “Perché i russi non parlano di sesso?”. Lei mi ha riso in faccia: “I russi cosa?! Chiunque te lo abbia detto è un coglione. Scommetto che era un uomo.”

“Sì”.

“Me lo immaginavo”, mi ha detto. “I russi non sono diversi dagli altri, quanto a parlare di sesso. Proprio l’altro giorno, io e le mie amiche stavamo parlando di come i nostri gatti provano sempre a sedersi sulle nostre pance mentre ci masturbiamo.”

“Oh… non posso dire di aver sentito una cosa del genere prima”, ammisi.

Fece spallucce e mi disse: “Sei un uomo. Non è che gli uomini non parlino di sesso; ma di solito non fanno discorsi troppo profondi e si limitano a chiacchierare delle loro perversioni e feticismi, o di come hanno fatto cilecca”. 

Questo mi ha incuriosito, e ho iniziato a domandare a diversi russi miei conoscenti se i russi parlano di sesso. Con una certa sicurezza, il primo uomo a cui ho chiesto ha risposto: “Per lo più non lo fanno, il diffuso modo di dire ‘Non c’è sesso nell’Urss’ è considerato un fatto vero da molte persone, anche per la nostra generazione un po’ più giovane”.

Non c’era sesso nell’Urss? Questa per me era una novità. Quindi, ho chiesto informazioni su questa frase, che avrei poi sentito citare tanto spesso, e ho scoperto che era incompleta. Nel corso di una celebre puntata del 1986 di “Telemost”, una trasmissione che faceva da ponte tv tra americani e sovietici, la frase pronunciata da una russa “Da noi non c’è sesso e a questo siamo categoricamente contrari”, era la risposta alla domanda si un’americana sul fatto se anche nelle pubblicità dell’Urss, come in quelle statunitensi, tutto ruotasse intorno al sesso. Tra le risate qualcuno aggiungeva pure, spiritosamente: “Il sesso da noi c’è; non c’è la pubblicità”. 

Quindi i russi parlano del sesso, ma semplicemente non lo pubblicizzano? Ci sono differenze a seconda del genere? Oppure non è diverso da qualsiasi altra parte del mondo; alcuni lo fanno, altri no? Ho chiesto ad alcuni lettori russi i loro pensieri e ho ricevuto opinioni contrastanti.

Uomini contro donne

Ho domandato a una collega donna, Nadja, di San Pietroburgo, se i russi parlassero di sesso, e lei mi ha risposto: “Io e le mie colleghe abbiamo una relazione amichevole, e recentemente una di noi ha lasciato la nostra compagnia e ha organizzato una festa d’addio. Come al solito, alcuni se ne sono andati presto, ma io ero tra quelle quattro donne che sono rimaste in un bar all’aperto fino a quando non hanno aperto i ponti mobili, bevendo birra. Abbiamo finito per avere una lunga conversazione sulle nostre vite sessuali, le diverse posizioni provate, i giocattoli sessuali, ecc.”

E per aiutarmi a capire se c’era una differenza dal punto di vista del genere, si è offerta di chiedere a suo marito come venga affrontato il tema con gli uomini che conosce: “Ha detto che fanno molte battute sul sesso, in particolare sul sesso anale (oh, maschiacci!), ma che non hanno quasi mai conversazioni significative sulla loro vita sessuale.”

Anche Nadja era curiosa di questa differenza e ha proposto una teoria: “Questo è quello che mi aspettavo: la maggior parte degli uomini sotto i trent’anni in Russia non è a suo agio da parlare apertamente di sesso, e se lo fa può farlo solo in modo scherzoso per proteggere il fragile ego maschile.”

Il mio primo pensiero è stato: “Wow, gli uomini russi sono così diversi!”. Ma poi ho cercato di ricordare l’ultima conversazione non banale sul sesso che ho avuto in un gruppo di uomini, indipendentemente dalla nazionalità. Non accade spesso, mi sono reso conto.

Una lettrice, Maria, ha ipotizzato un’altra teoria: “La differenza principale è tra ragazze e ragazzi: le ragazze parlano di come migliorare il sesso per un’esperienza più appagante per loro e i loro partner, mentre i ragazzi parlano di come trovare nuove partner. Forse se tutti provassimo a parlare di più tra di noi su come fare un sesso migliore, questo cambierebbe.”

LEGGI ANCHE: A Mosca è pieno di scuole di seduzione, dove ti insegnano a “rimorchiare” le ragazze 

La mancanza di educazione sessuale 

Una risposta comune al fatto che i russi parlino o meno di sesso è venuta sotto forma di “Beh, le persone mature e intelligenti non parlano davvero di sesso”. Questa è solo un’opinione, ma Julia, di San Pietroburgo, direttrice della rivista di educazione sessuale “Sexography”, osserva che le persone mature non hanno conversazioni immature sul sesso, mentre le conversazioni sul sesso in Russia tendono ad essere immature, perché c’è una mancanza di educazione sull’argomento:

“È decisamente più facile per me parlare di sesso e sessualità con gli occidentali. In America, parlare di sesso sembra naturale, anche con estranei. Potrei incontrare uno sconosciuto in un bar o in un caffè e passare l’ora successiva a parlare di problemi di educazione sessuale. Devo ammettere che ha a che fare con la propaganda sessuale attiva che c’è là e sulla grande quantità di attivisti sessuali. In Russia, d’altra parte, parlare di sesso sembra ancora scomodo, proprio come lo era per i nostri genitori venti e trent’anni fa. Alcune persone si vergognano ancora ad acquistare una scatola di preservativi, altri non sono mai stati in un sexy shop, semplicemente perché sembrano posti così loschi e sospetti in Russia. Vedo anche che avviare conversazioni sul sesso in Russia può mettere molte persone a disagio e in serio imbarazzo, anche se il sesso è l’attività preferita della maggior parte di noi. Uno dei miei vecchi colleghi mi ha recentemente chiesto di cosa precisamente si occupasse la mia rivista. Lui supponeva che qualsiasi forma di scrittura sul sesso dovesse essere erotica. ‘Cosa c’è da discutere? Il sesso è sesso, perché così tanto interesse a parlarne?’. Ecco, penso che finché questa obiezione verrà sollevata, avremo molta molta strada da fare in Russia.”

Ed è qui che si nota la netta differenza nel modo in cui la Russia, rispetto alla gran parte dei Paesi occidentali, gestisce l’educazione sessuale. Fino a oggi, c’è poca o nessuna educazione sessuale nelle scuole russe. E la mancanza di educazione sessuale è ciò che porta all’idea che le chiacchiere sul sesso siano pettegolezzi da persone immature.

Come avviene l’educazione sessuale in Russia? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie