Si può vivere in Russia senza conoscere la lingua?

Igor Gerasimchuk/TASS
Le testimonianze degli expat che parlano solo inglese e alcuni consigli utili per affrontare le difficoltà quotidiane

"Stavo tornando a casa dal lavoro quando all’improvviso un impiegato della metropolitana mi ha fermato. Mi ha chiesto di mostrargli la carta Troika e pure il passaporto. Aveva la faccia seria... sembrava matto. Cosa sta succedendo? Che cosa ho fatto? Ho iniziato a chiedere aiuto ai passanti, ma nessuno è stato in grado di aiutarmi perché in Russia sono ben poche le persone che parlano inglese. Avevo paura”. Dopo un lungo tentativo di discussione, Lee Ken, 33 anni, giunta dalle Filippine per lavorare come tata, è stata autorizzata ad andare. Questo ovviamente è solo uno dei tanti casi in cui gli stranieri che non conoscono il russo si perdono nel buco nero dei problemi di comunicazione.

I primi giorni 

Se pensate di trasferirvi in Russia e non conoscete la lingua, affidatevi - almeno per i primi giorni - a una persona del posto: potrete appoggiarvi a lui o a lei per affittare casa, sistemare i documenti burocratici e aprire un conto in banca: sono queste, grosso modo, le prime situazioni in cui la conoscenza della lingua russa si rivela fondamentale. Avere una persona sul posto disposta ad aiutarvi sarà molto importante.

Buona parte dei problemi deriva dal dover gestire la burocrazia: nessuno infatti vi garantisce che il personale negli uffici parli inglese.

“La situazione più spiacevole che mi sia mai capitata è stata quando ho cercato di ottenere la residenza temporanea: durante la compilazione dei documenti è emerso un problema con la mia registrazione. Il mio livello di russo non era sufficientemente buono per capire. E quando ho cercato di far parlare l’impiegata con mia moglie al telefono, che è russa, la signora si è rifiutata di prendere la cornetta”, racconta Fernando Alves, un quarantenne social media manager portoghese.

E non si tratta di un caso isolato. “Le procedure amministrative qui sono un disastro, mi ritrovo sempre a dover chiedere aiuto a mio marito, che è russo”, dice Irene De Cleene, consulente legale belga di 24 anni, che si è trasferita in Russia per vivere con suo marito.

Una volta sbrigate le prime pratiche, le cose si fanno molto più semplici anche per chi non parla russo.

“Dopo aver installato sullo smartphone l’applicazione di Yandex Taxi, dopo aver acquistato una SIM per il cellulare e aperto un conto corrente in banca, la vita in Russia senza conoscere la lingua si è rivelata molto più facile”, spiega Ben Fusi, 23 anni, dall’Inghilterra, che lavora a Mosca come insegnante.

E c’è chi riesce a sostenere questo stile di vita per anni.

"Ho vissuto a Mosca per quasi 7 anni. E spesso mi sono sentito chiedere: ‘Come fai a insegnare la lingua a un bambino che non parla inglese, se nemmeno tu parli russo?’, oppure ‘Come puoi sopravvivere senza conoscere la lingua del posto?’. Ma quando si rendono conto da quanti anni vivo qui, smettono di chiedermelo”, racconta Bree Marie Antonova, 30 anni, che si è trasferita in Russia dalla California.

Ma si può vivere bene in Russia senza poter comunicare liberamente?

La vita sociale 

Le relazioni sociali di sicuro non saranno facili. La maggior parte delle persone intervistate per la stesura di questo articolo lamentano il fatto di aver difficoltà a costruire rapporti senza la conoscenza della lingua.

"È difficile fare amicizia. Ho vissuto in altri paesi dove facevo amicizia in modo molto spontaneo, utilizzando una lingua comune come l’inglese o il francese. Ma qui la maggior parte delle persone, anche i giovani, parla solo russo”, dice De Cleene.

E anche chi parla il russo ammette di aver difficoltà a comunicare a un livello più profondo. “Anche uscire con una ragazza può rivelarsi complicato: se il suo livello di inglese non è buono, la conversazione può rivelarsi noiosa o banale”, dice Ben Fusi.

Per alcune persone, la barriera linguistica si rivela un vero problema.

“Avevo una vita sociale così attiva nel mio paese… Qui a Mosca invece non ho amici. Spesso mi annoio nel tempo libero. Vorrei tanto uscire e partecipare a qualche festa, ma il fatto di non conoscere il russo mi inibisce. Come posso ordinare da bere al bar? O presentarmi con persone nuove?”, riflette Lee Ken.

A tutto c’è una soluzione 

Un consiglio universale che ci sentiamo di darvi è: provateci! Imparate almeno le parole e le frasi basi, vi cambieranno completamente il quadro della situazione. Conoscere l’alfabeto, ad esempio, è un ottimo punto di partenza.

C’è chi dice che i russi si rivelano più amichevoli e ben disposti quando si rendono conto che uno straniero sta cercando di comunicare nella loro lingua. Quello che vi serve per guadagnare la simpatia dei russi è mostrare loro che ci state provando. 

"Ai russi non piace quando non ci provi nemmeno - ha scritto un utente di Facebook di nome Deyra Baez -. Sono molto più disponibili e comprensivi quando si ritrovano davanti a uno straniero che fa di tutto per comunicare in russo”.

E se il russo è troppo difficile per voi, imitate gli altri: "Se imparate il modo di mugugnare dei russi, potrete farla franca nel 70% delle situazioni - ha detto Melanie Trombetta, una studentessa francese di 25 anni -. Il mio 'hmm hmm hmm' si è rivelato molto utile contro i rimproveri feroci della babushka del dormitorio”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie