“Il sesso è una cosa schifosa, non fatelo”, ecco cosa propagandano gli “anti-sessuali”

Getty Images
A differenza degli asessuali, che hanno un ridotto o nullo desiderio, loro sostengono attivamente la completa astinenza da “un’attività nociva per lo sviluppo personale e disgustosa dal punto di vista estetico”. Il loro ideologo è un russo da pochi mesi naturalizzato americano

“Perché le persone dovrebbero mettere il loro pene in qualcosa di stretto e viscido? Bleah!”. Questo pensiero venne al diciannovenne Vladislav quando prestava servizio nell’esercito nel 1996. Ora ha 41 anni e ancora lotta per far accettare la sua anti-sessualità, una filosofia che rifiuta il sesso come un’attività indegna e inutile.

Tutto iniziò con il sogno di diventare più alto. Il giovane iniziò a prendere delle pillole che si era auto prescritto, l’Androcur 50, un medicinale che di solito è prescritto ai pazienti affetti da carcinoma prostatico in fase avanzata. Uno degli effetti collaterali del farmaco è la riduzione dell’interesse sessuale e da lì in poi per Vladislav il desiderio è andato solo calando.

 “Non ho avuto un’erezione per un mese e non sono neanche diventato più alto”, ha detto Vladislav. L’erezione tornò presto, ma un pensiero strano rimase nella sua mente: “Ho notato che posso ottenere di più nella vita se non penso al sesso, se dedico la mia attenzione ad altre cose”, si disse. Sorprendentemente, non è l’unico a pensarla così.

Il leader degli anti-sesso

Quelli che si definiscono anti-sessuali negano il sesso, anche se non se ne sentono estranei. Sono normali uomini e donne che preferiscono astenersi dal sesso nonostante il forte desiderio fisico.

Spesso accade perché pensano che il sesso sia un’attività sporca, indegna di un essere umano. I più ardenti seguaci di questa strana ideologia arrivano al punto di equiparare il sesso con le droghe. “Il sesso è una dipendenza di tipo fisiologico e sociale. Non esiste abominio che la gente non commetterebbe pur di far sesso, compresi gli omicidi più selvaggi”, ha detto Jurij Nesterenko, l’ideologo del movimento anti-sessuale, che inizialmente ha visto la luce in Russia.

Personaggio controverso, Nesterenko ha ottenuto la cittadinanza americana nel febbraio 2018 e ha assunto il nome di George Jurij Right.

Ancora un cittadino russo, Nesterenko ha fondato l’International Antisexual Movement, un’organizzazione di anti-sessuali di proporzioni imprecise e di impatto indefinito. La sua prima linea è il sito web chiamato Antisexual Stronghold, dove George Jurij Right propaganda la sua dubbia filosofia senza mezzi termini: “Il sesso (ossia il cedere a impulsi indegni) e lo sviluppo personale sono incompatibili. Inoltre, il sesso è disgustoso da un punto di vista puramente estetico.”

Nesterenko non ha risposto alle e-mail di Russia Beyond. Nella sua ampia sezione FAQ, tuttavia, afferma che i suoi seguaci sono degli asessuali con “una posizione sociale attiva”.

“Mi sembrava di essere violentata”

Ma la sua definizione è quantomeno imprecisa. A differenza degli anti-sessuali, che fanno una crociata ideologica contro il sesso, gli asessuali sono più comuni in Russia, ma la loro vita sessuale (o l’assenza di essa) è più dolorosa di quanto molti possano immaginare.

“Avere rapporti sessuali quando non avevo voglia mi sembrava un po’ come essere violentata, con l’unica differenza che acconsentivo. Questo ha raggiunto il suo culmine nelle mie ultime relazioni: mi sentivo come se venissi violentata, mi sentivo male, era molto doloroso. Sopportavo solo perché non volevo offendere il mio compagno. Ho pensato che qualcosa dovesse non essere a posto in me, perché il sesso è piacevole e tutti lo amano. Ma dopo il sesso mi sentivo male”, ha detto Tatjana, che ha chiesto di non pubblicare il suo cognome.

Tatjana, una ragazza di 29 anni che vive a San Pietroburgo, dice di non essere completamente asessuata. Ma non può fare sesso con una persona a meno che non sviluppi legami emotivi molto forti. Intende evidentemente legami più forti di quanto non fossero quelli con i suoi partner. Il che, naturalmente, ha complicato molto la sua vita personale.

“Le persone prendono sempre il rifiuto come un insulto personale e spesso la cosa si traduce in un tradimento o una rottura del rapporto. È molto importante e necessario spiegare che le persone possono essere rifiutate da me perché il mio corpo è in ibernazione e non vuole il sesso, e non perché non sono abbastanza sexy o attraenti”, ha detto Tatjana.

Mentre l’asessualità è una condizione fisica e psicologica, gli anti-sessuali lanciano crociate contro il sesso per nessun’altra ragione se non una profonda avversione psicologica e ideologica nei confronti di tutto ciò che associano al sesso.

Quelli del 2018 in Russia sono stati i Mondiali del sesso? Le polemiche per le relazioni tra ragazze russe e tifosi stranieri 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie