Il pensionato più alla moda del web: un anziano russo è ormai una star di Instagram

Questo vecchietto di Khabarovsk ha deciso di spendere tutta la sua pensione in abiti firmati e di pubblicare i vari look online. Il risultato è sorprendente

Una giacca in pelle Dior, un cappello Moschino, occhiali da sole Prada… questi capi firmati non li assoceremmo di solito a un anziano russo che campa con la pensione. Di solito i pensionati girano in pantaloni beige, sandali marroni, o con noiose cravatte.

Tuttavia, Boris Dunaevskij, un pensionato di Khabarovsk, nel Lontano Oriente russo (8.500 chilometri a est di Mosca) non ha lasciato che la vecchiaia rovinasse il suo gusto. Si rifiuta di uscire se non è vestito all’ultima moda. E quando è tutto tirato, pubblica i look sulla sua pagina Instagram, che sta guadagnando sempre più follower. Non sorride molto ma, in fin dei conti, è russo

Boris aggiorna il profilo con ciò che i media scrivono su di lui e pubblica i link. Si lamenta di ricevere molti commenti negativi sotto le sue foto da parte di utenti russi, ma fortunatamente cinesi e occidentali gli fanno spesso i complimenti. Alcune persone scrivono che dovrebbe essere fotografato da un fotografo professionista e che in realtà non sembra un pensionato russo.

Non è sempre stato interessato alla moda e la sua pensione è stata aumentata agli attuali 18.000 rubli (260 euro) solo dopo che è stato operato di cancro. Allora ha iniziato a comprare vestiti alla moda.

“Mi sono interessato a Versace, perché avrebbe più o meno la mia stessa età se fosse vivo. Io sono nato nel 1945, e lui un anno dopo, nel 1946. Ha uno stile così artistico, così barocco…”, ha scritto Boris su Instagram.

L’anziano d’estate pubblica anche molte foto dalle rive del fiume Amur a Khabarovsk in costume da bagno, e, va detto, sembra piuttosto in forma. A quanto dice è tutto merito della sua pratica dell’Agni Yoga e del Qi Gong.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond