L’uomo che fabbricava robot

In una piccola città della Siberia Sergej Kulagin ha messo da parte la sua professione di meccanico per dedicarsi alla produzione di umanoidi giganti, realizzati con pezzi di vecchie automobili. Che oggi riempiono le sale di un intero museo

Sergej Kulagin vive nella piccola città siberiana di Divnogorsk. Ha lavorato molti anni come meccanico. Poi, un bel giorno, vide una figura di metallo con sembianze umane all’interno di un’esposizione nella sua città. Era il 2011. E in quel momento decise che avrebbe potuto realizzare una figura simile, ma molto più bella. E la sua vita è cambiata

Per sei anni Kulagin ha realizzato robot utilizzando vecchi pezzi di automobili. Non ha abbandonato la sua vecchia professione di meccanico, ma buona parte del suo tempo la trascorre producendo umanoidi

Pompieri, atleti, ma anche insetti e dinosauri... Kulagin ha realizzato più di 300 figure di metallo di differenti forme e dimensioni. E non ha nessuna intenzione di smettere

Così come spiega questo originale artista, ogni robot è unico e viene realizzato in un modo totalmente improvvisato: non segue nessuno schema, nel suo lavoro regna l’improvvisazione. E la maggior parte delle volte, quando inizia ad assemblare i pezzi, lui stesso non sa che cosa ne uscirà

Ovviamente non si tratta di robot dotati di sistemi meccanici o intelligenza artificiale. Si tratta di umanoidi di latta e ferro

Utilizzando un piccolo telecomando a distanza, Sergej è comunque in grado di muovere le mani, la testa e addirittura le dita di questi giganti

Ovviamente il suo atelier è diventato in poco tempo il luogo preferito dei bambini della città. Ma quando la collezione di robot ha iniziato a essere troppo numerosa, Sergej ha deciso di aprire una sala espositiva a Krasnoyarsk, conosciuta come il museo “Rise of the Machines”. Qui i visitatori possono ammirare e toccare questi giganti di metallo, provare a muoverli e addirittura “cavalcarne” alcuni

Qui è addirittura possibile acquistare un robot: quando ne viene venduto qualcuno, subito viene sostituito da una figura nuova

Questo ad esempio è un veicolo post-apocalittico tratto dal film “Mad Max”, realizzato con pezzi di auto Subaru e Zhiguli

Questo robot “Predator” è addirittura dotato di casse funzionanti. Un ospite davvero speciale per la vostra prossima festa!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale