A Krasnodar si valuta l’introduzione di visti elettronici per gli stranieri

La funivia Rose Khutor di Sochi, nella regione di Krasnodar.

La funivia Rose Khutor di Sochi, nella regione di Krasnodar.

: Vladimir Sergeev / RIA Novosti
Si tratta di un territorio con un alto potenziale turistico dove ogni anno arrivano 15 milioni di turisti e gli stranieri costituiscono il 6% del totale

Il ministro russo degli Esteri assisterà le autorità del territorio di Krasnodar nel tentativo di attirare nuovi partner stranieri. Lo ha annunciato il ministro Sergej Lavrov oggi, 29 giugno, durante un incontro con il governatore locale Veniamin Kondratyev. La notizia è stata riportata dalla Tass.

“Il nostro territorio ha un rapporto molto attivo con gli investitori stranieri e stiamo creando un ambiente ideale per attirarli”, ha detto Kondratyev, aggiungendo che nella regione si contano 300 imprese con finanziamenti esteri, il cui fatturato ammonta a nove miliardi di rubli (152,5 milioni di dollari).

“Si tratta di un territorio con un alto potenziale turistico dove ogni anno arrivano 15 milioni di turisti e gli stranieri costituiscono il 6% di questo numero”, ha detto Kondratyev. “Vorremmo chiedere infatti l’introduzione di visti elettronici per questa zona”.

Lavrov ha quindi ringraziato il governatore per aver ospitato la riunione ministeriale e ha aggiunto che “i visti elettronici sono una cosa nuova per noi”.

“Il governo ha deciso di introdurli in forma sperimentale nei territori del portofranco di Vladivostok e nella regione di Kaliningrado”, ha concluso.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale