Sempre più moscoviti soffrono di "trafficofobia"

Lo ha rivelato Zurab Kekelidze, psichiatra del Servizio Sanitario russo: gli abitanti della capitale stanno accusando gli effetti dell'eccessivo traffico. In aumento anche i casi di chi si fa prendere dal panico in ascensore o nei mezzi pubblici

Zurab Kekelidze, psichiatra del Servizio Sanitario russo, ha annunciato che i moscoviti stanno risentendo tantissimo degli effetti delle strade congestionate dalle auto. Kekelidze è addirittura arrivato a parlare di “trafficofobia”. Lo riporta l’agenzia Moscow News.

“Sempre più spesso gli abitanti della capitale stanno dando evidenti segni di disordini psicologici: fra questi, stiamo registrando una sorta di ‘trafficofobia’, che si manifesta nel momento in cui una persona si lascia prendere dal panico perché teme di non riuscire più a uscire con l’auto e crede che nessuno sarebbe in grado di aiutarla. Stiamo registrando anche persone che dichiarano di aver paura ad entrare in ascensore, nei mezzi pubblici o nei grandi magazzini: disturbi che nelle campagne non si verificano”.

Kekelidze ha aggiunto che in tutto il mondo circa il 20 per cento delle persone presentano disturbi simili. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta