Prodi: “Niente pace senza accordo Russia-Usa. Europa debole”

Romano Prodi al Forum di Verona.

Romano Prodi al Forum di Verona.

: Vladimir Mikheev
Al Forum Eurasiatico di Verona, inauguratosi oggi, Romano Prodi è intervenuto sulle crisi in Siria e Ucraina

“Nei rapporti con la Russia assistiamo a un progressivo deterioramento che mi preoccupa, con tensioni verbali che richiamano alla Guerra Fredda”. Lo ha detto oggi al V Forum Eurasiatico di Verona il presidente per la Fondazione per la Collaborazione tra i popoli, Romano Prodi. “Il punto cruciale è l’Ucraina – ha spiegato -, dove si è trasformato un ponte in un campo di battaglia che ha reso difficile anche la situazione in Siria e in Medio Oriente. E senza un accordo tra Russia e Stati Uniti non si riuscirà ad arrivare alla pace in Siria e in qualche modo a una tregua in Medio Oriente. E questa è un’ammissione automatica della debolezza dell’Europa”.

Per l’ex premier “il processo di deterioramento sistemico colpisce i rapporti Ue con tutta l’Eurasia sia sul piano politico che economico e le continue piccole provocazioni di esercitazioni militari fanno pensare che la leva di comando sia passata dai politici ai militari”.

“Ma io sono convinto – ha proseguito Prodi –, che la Russia non possa portare a termine il proprio processo di sviluppo senza il legame indispensabile con l’Europa; per questo è necessaria una conferenza in cui si faccia il punto e si mettano le carte sul tavolo”. Il presidente ha poi chiuso con una riflessione sulla politica degli Stati Uniti nei rapporti con Cina e Russia: “Nella politica bisogna gestire anche i problemi di oggi – ha detto -, e gli Usa non li hanno gestiti. Ancora meno lo ha fatto l’Ue”.

Il Forum è organizzato dall’associazione Conoscere Eurasia, Fondazione Roscongress e Forum economico internazionale di San Pietroburgo in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Gazprombank, Region Group of companies e Visa Handing Services e con il supporto di Banca Intesa Russia, Coeclerici, Maserati, Fiera Milano Congressi. Con il patrocinio del Comune di Verona e il sostegno di Associazione Banche Russe, Association of European Businesses, Higher School of Economics.

Ti potrebbe interessare anche: 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta