Crimea: anche l’Italia al primo festival cinematografico internazionale

È stato voluto dal regista Nikita Mikhalkov per "promuovere il cinema della Crimea nello spazio eurasiatico, dando impulso alle relazioni culturali internazionali"

Tutto è partito da Nikita Mikhalkov. È stato proprio il regista russo a dare il via al festival cinematografico internazionale “Il ponte eurasiatico”, inaugurato oggi, 30 settembre, a Yalta. Questo festival – il primo per la Crimea – contribuirà a “far rinascere la promozione del cinema della Crimea nello spazio eurasiatico, dando impulso alle relazioni culturali internazionali”, come ha dichiarato lo stesso Mikhalkov.

In concorso, nove lungometraggi provenienti da Russia, Italia, Germania, Serbia, Corea e da altri Paesi. Nella sezione documentari, si trovano lavori provenienti anche dalla Cina e dal Belgio.

Il film d’apertura sarà il nuovo blockbuster russo “Duelyant”, girato in formato IMAX dal regista Aleksej Mizgirev.

In giuria i registi Natalia Bondarchuk (Russia) e Talakadu Srinivasaiah Nagabharana (India), e lo sceneggiatore uzbeko Odelsha Agishev. Il festival durerà fino al 5 ottobre 2016.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta