Segnali positivi per l'export di Bolzano verso Mosca: +35,7%

Tra i prodotti trainanti dell’export di Bolzano verso la Russia, quelli dell’agricoltura che pesano per circa la metà del valore registrato.

Tra i prodotti trainanti dell’export di Bolzano verso la Russia, quelli dell’agricoltura che pesano per circa la metà del valore registrato.

: Reuters
Nel primo semestre dell'anno le esportazioni verso la capitale russa hanno superato i 14,2 milioni di euro

Cresce l’export della Provincia di Bolzano verso la Russia. Nel primo semestre di quest’anno, infatti, le esportazioni verso Mosca hanno superato i 14,2 milioni di euro, +35,7% rispetto allo stesso periodo del 2015. Un dato in controtendenza rispetto a quello italiano che, da gennaio a giugno, si colloca ancora in terreno negativo, con una compressione del 7% delle esportazioni Made in Italy verso la Federazione Russa (poco più di 3 miliardi di euro). È quanto emerso oggi all’apertura dei lavori del seminario italo russo in corso a Bolzano organizzato dall’associazione Conoscere Eurasia, Forum economico internazionale di San Pietroburgo, Roscongress, IDM Sudtirol Alto Adige in collaborazione con la Camera di Commercio di Bolzano e la Provincia Autonoma di Bolzano. Secondo i dati Istat elaborati dall’associazione Conoscere Eurasia, l’interscambio Bolzano-Russia del primo semestre 2016 ha raggiunto i 15,3 milioni di euro, in aumento del 23,9% grazie al balzo in doppia cifra dell’export. In diminuzione, invece le importazioni, calate del 44,1% (1 milione di euro).

“In attesa che le sanzioni vengano rimosse, occorre continuare a intensificare il dialogo e le relazioni economiche bilaterali – ha detto in apertura del seminario Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia -. L’economia russa è stabile e continua a investire sull’innovazione, considerata tra le principali leve di crescita del Paese, dove è in corso una grande trasformazione che modificherà il paradigma commerciale dei nostri rapporti, passando dal Made in Italy al Made with Italy”.


 

“La Russia – ha aggiunto Fallico -, corre veloce verso un ammodernamento tecnologico, industriale, produttivo e infrastrutturale che apre nuovi scenari di business e di partnership in diversi settori, fondati più sul know how che sul prodotto”.

Tra i prodotti trainanti dell’export di Bolzano verso la Russia, quelli dell’agricoltura che pesano per circa la metà del valore registrato nel primo semestre (quasi 7 milioni di euro), seguiti dai prodotti delle attività manifatturiere per il rimanente fatturato.

Ti potrebbe interessare anche: 

Sicilia, vola l'export verso la Russia

Made with Russia, la nuova sfida italiana

Agroalimentare, la World Food di Mosca inaugura un'inversione di tendenza

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta