Anniversario Bulgakov, maratona di lettura de Il Maestro e Margherita

A novembre oltre 500 persone provenienti da tutto il mondo si daranno appuntamento in una diretta online per leggere il celebre romanzo

In occasione del 125esimo anniversario della nascita dello scrittore Mikhail Bulgakov, oltre 500 persone si daranno appuntamento online per leggere il romanzo “Il Maestro e Margherita”, che quest’anno compie 50 anni. La maratona di lettura, che si svolgerà l’11 e il 12 novembre 2016, sarà trasmessa in diretta streaming su YouTube. 

Gli organizzatori del progetto (Google, Mosfilm e il Museo di Bulgakov) hanno lanciato l’iniziativa sul sito www.masterimargarita.withgoogle.com dove ognuno potrà collegarsi con Begemot e Koroviev, personaggi del grande romanzo. Gli utenti potranno così fare un viaggio tra gli Stagni del Patriarca e la casa di Margherita, e in molti altri luoghi dove si svolgono gli eventi. Gli utenti che parteciperanno alla lettura saranno scelti attraverso una selezione, per la quale sarà necessario inviare un video con la recita del testo proposto. Le richieste dovranno essere inviate entro il 5 ottobre.  

“Stimiamo la partecipazione di circa 500 persone, di cui 350 saranno semplici utenti internet, gli altri saranno attori, musicisti, politici, atleti”, ha raccontato a Rbth la rappresentante di Google, Alla Zabrovskaya. La lettura durerà circa venti ore. 

Non è la prima volta che si svolge un “esperimento” letterario di tale portata: nel 2014 si tenne il progetto “Karenina. Live Edition”, al quale parteciparono in diretta su Google+ e YouTube oltre 700 persone provenienti da diversi Paesi del mondo. La performance durò più di 30 ore. La curatrice del progetto dedicato ad Anna Karenina fu Fekla Tolstaya, pronipote del grande scrittore. 

L’anno scorso si tenne anche la lettura di 50 opere di Anton Chekhov: un altro evento che riunì persone da diverse città, da Harvard a Hong Kong, passando per Sakhalin, per una maratona che durò 24 ore.

Ti potrebbe interessare anche: 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta