Paralimpiadi, la Russia esclusa anche dai Giochi del 2018

La notizia annunciata dal Comitato paralimpico russo: a seguito dello scandalo doping, gli atleti della Federazione non parteciperanno nemmeno alle Paralimpiadi invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud

Il Comitato paralimpico russo ha annunciato che la decisione di vietare la partecipazione alle Paralimpiadi di Rio del 2016 agli atleti paralimpici russi si estende anche ai Giochi invernali del 2018 che si terranno a Pyeongchang, in Corea del Sud. La notizia è stata pubblicata sul sito ufficiale del Comitato paralimpico russo. 

La notizia della possibile doppia squalifica era già stata anticipata dalla vice presidente del Comitato paralimpico russo, Rima Batalova, 13 volte campionessa olimpica. 

Il 7 agosto Philip Craven, presidente del Comitato paralimpico internazionale, aveva annunciato la squalifica del Comitato paralimpico russo e quindi degli atleti paralimpici della Federazione da tutte le competizioni internazionali. Una decisione che esclude così 270 sportivi russi dalle Paralimpiadi di Rio. La scelta del presidente del Cpi si basa sul report redatto dalla commissione indipendente della Wada diretta da Richard McLaren. Nel documento si fa infatti riferimento anche alla presunta manipolazione di 27 test antidoping di atleti paralimpici durante le Olimpiadi di Sochi del 2014.

Ti potrebbe interessare anche: 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta