Siria, Mosca interrompe utilizzo base aerea iraniana

Da Hamadan decollavano i bombardieri russi per effettuare i raid

Mosca ha sospeso l’utilizzo della base aerea iraniana per i raid in Siria. La notizia è stata resa nota dal portavoce del ministero degli esteri iraniano, Bahram Ghasemi e confermata dall’ambasciatore russo a Teheran Levan Dzhagaryan.

Secondo Ghasemi l’utilizzo della base iraniana era temporaneo e per il momento la missione è terminata. “Non vi è alcun motivo di preoccupazione – ha detto Dzhagaryan a Interfax -. Se le autorità dei nostri due Paesi ritengono necessarie e appropriate queste disposizioni, quali problemi ci sono?”.

Il 16 agosto scorso aerei dell’aviazione militare russa erano stati trasferiti nella base aerea di Hamadan, in Iran: un battaglione di sei Tu-22M3 e di quattro Su-34 ha eseguito interventi nella zona nord-orientale della Siria. Il 17 agosto, a seguito di un’operazione nella provincia di Deir ez-Zor, sono stati annientati due posti di commando dell’Is e oltre 150 militanti.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta