Siria, la Russia dice sì alla tregua di 48 ore ad Aleppo

Potrebbe essere avviata già dalla prossima settimana e servirà a portare aiuti umanitari alla popolazione locale

Mosca dice sì al cessate il fuoco di 48 ore ad Aleppo, richiesto dall’inviato dell’Onu in Siria Staffan de Mistura. Lo ha dichiarato il generale Igor Konashenkov durante una conferenza stampa. La tregua servirebbe a consegnare cibo e medicine alla popolazione locale.

"Il Ministero della Difesa della Federazione Russa è pronto a sostenere la proposta dell'inviato speciale del Segretario generale dell'Onu per la Siria de Mistura riguardo l'avvio di una tregua umanitaria per fornire cibo e medicine alla popolazione della città e per riavviare sistemi vitali distrutti dagli attacchi delle milizie", ha affermato Konashenkov.

"Siamo pronti a mettere in atto la prossima settimana la prima tregua umanitaria di 48 ore per portare aiuti umanitari ai civili di Aleppo come 'progetto pilota' e a confermare la sicurezza della distribuzione di beni alla popolazione della città", ha aggiunto.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta