Terminati con successo i test di un satellite russo a batteria solare

Il satellite atmosferico a batteria solare.

Il satellite atmosferico a batteria solare.

: ufficio stampa
L'apparecchio potrebbe essere impiegato per controllare la regione dell'Artico

Il primo satellite atmosferico russo a batteria solare Sova ha concluso con successo il primo volo di 50 ore. L'apparecchio potrebbe essere impiegato per controllare la regione dell'Artico.

Così come fanno sapere i progettisti, il nuovo satellite potrebbe eseguire un controllo prolungato e in tempo reale delle regioni settentrionali, in primo luogo dell'Artico: operazioni normalmente portate avanti da satelliti speciali nell'orbita più vicina alla Terra. Sicuramente un satellite atmosferico potrebbe compiere questa missione in modo efficace e con costi ridotti rispetto ai satelliti artificiali della Terra o ai droni che consumano combustibile.

Il primo prototipo è dotato di pannelli solari e batterie, pesa solamente 12 chili ed è fabbricato con materiali in fibra di carbonio. I test di volo sono durati due giorni e hanno confermato che le soluzioni tecniche funzionano adeguatamente.

Il progetto è gestito dal Fondo di ricerche strategiche, l'analogo russo dell'agenzia americana Darpa, responsabile di progetti di innovazione per le forze armate Usa. A sviluppare il progetto è stata l'impresa Tiber, impegnata anche nella realizzazione di droni.

Ti potrebbero interessare anche: 

A Mosca arriva la prima ruota panoramica a energia solare

Più sicurezza per il nucleare

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta