Si schianta Su-27 nei pressi di Mosca. Morto il pilota

Il caccia è caduto su un’area boschiva a pochi chilometri dal villaggio di Muranovo. In quella zona si era appena tenuto il taglio del nastro di un monumento agli aviatori. Tra le ipotesi alla base del disastro, forse un errore umano o un guasto al motore

Un caccia Su-27 si è schiantato nei pressi di Mosca. Il pilota è morto. Lo riferiscono le agenzie russe, citando fonti dei servizi di emergenza.

Tra le cause si pensa a un errore del pilota o a un guasto al motore.

L’aereo, appartenente al gruppo di pattuglie acrobatiche “Russkie Vityazi”, è caduto a un paio di chilometri dal villaggio di Muranovo, su un’area boschiva.

Poco lontano da Muranovo si trova il villaggio di Ashukino, dove questa mattina il vice ministro della Difesa Yurij Borisov e il comandante capo delle forze aeree, il generale Viktor Bondarev, hanno inaugurato un monumento agli aviatori. Per il taglio del nastro sopra ad Ashukino avevano volato proprio gli aerei delle pattuglie acrobatiche “Russkie Vityazi”.

Il corpo del pilota è stato trovato poco distante dal velivolo. Al momento, si legge su Ria Novosti, non è ancora chiaro se fosse l’unico a bordo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta