Egitto, Mosca potrebbe riattivare i voli turistici

Il ministro del Turismo non lo esclude, “a condizione però che ci sia un’adeguata verifica sulla sicurezza degli aeroporti”

La Russia non esclude di ripristinare i voli verso l’Egitto interrotti dopo lo schianto del Boeing partito da Sharm el-Sheik e diretto a San Pietroburgo, il 31 ottobre scorso. Lo ha fatto sapere il Ministero russo dei Trasporti, secondo il quale in breve potrebbero essere riattivate le rotte turistiche, a condizione però che ci sia un’adeguata verifica sulla sicurezza degli aeroporti egiziani. “Il problema della riapertura dei voli sarà preso in considerazione solo quando verrà esaminata la sicurezza di ciascuno degli aeroporti coinvolti”, ha precisato il ministro Maksim Sokolov.

L’Airbus-321 della compagnia Kogalymavia era decollato da Sharm el-Sheik alle 6.51 ora di Mosca, diretto a San Pietroburgo. Ma il velivolo non arrivò mai a destinazione, schiantandosi nella zona centrale del Sinai 23 minuti dopo il decollo. Nella catastrofe morirono 224 persone.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta